Clamoroso retroscena di mercato: Totti è stato vicino all’Inter! Ecco quando!

0

Inter impegnata nell’insidiosa trasferta di Marassi contro il Genoa. Una gara da non fallire. L’obiettivo è dare continuità ai tre punti conquistati brillantemente sabato scorso con il Napoli e mettere ulteriore pressione alla Roma, di scena in casa con il Torino. Le speranze Champions restano ancora vive, ma chissà che non possa arrivare una lieta nota proprio dall’Olimpico, per la gioia di Mancini e soci.

LA RIVELAZIONE – Ciò che non si ferma mai è il calciomercato. L’Inter è piuttosto attiva da questo punto di vista e tratta giocatori di primissimo livello. Un mix di intrighi e retroscena, anche datati. Uno di questi porta all’Inter e alla clamorosa ipotesi di vedere Francesco Totti indossare la maglia nerazzurra. Incredibile, ma vero. Bisogna andare indietro a qualche anno fa. A svelare questo retroscena decisamente interessante ci ha pensato patron Massimo Moratti, il quale ha fatto chiaramente capire che la possibilità di portare Er Pupone a Milano era piuttosto concreta, anche se poi sfumò tutto, come testimoniano le sue parole: Chiesi avere Totti tanti anni fa per portarlo all’Inter. Non è andata bene, ma lo avevo trattato. Non so nulla dell’attuale situazione che vive alla Roma, quindi non mi permetto di giudicare. Posso solo dire che sono tifosissimo di Totti, nel senso che ho piacere nel vederlo giocare, però so che anche Spalletti è una persona molto intelligente. 

Non so se rientrerò a pieno titolo a guidare la società dell’Inter. È bene che Thohir faccia il suo progetto. Ho letto cose strane riguardo la società, non sento le stesse cose quando parlo con Thohir e non vedo le stesse cose all’interno del club. Nei prossimi anni saremo più che competitivi, anche senza di me. Credo ancora nell’obiettivo Champions. L’impresa si può fare. Mancini ci ha vinto un titolo (Premier League, ndr) partendo da una condizione di svantaggio. Benitez non mi piacque come allenatore. Era un grande professionista, ma c’era una grandissima differenza di carattere comunicativo e di rapporti tra noi e lui. Non c’era entusiasmo e dunque bisognava cambiare. Leonardo è uno dei migliori allenatori che abbia mai avuto. Un ragazzo intelligente, ottimo come dirigente e anche come allenatore”. Peccato: Totti poteva passare dal Colosseo al Pirellone. Sarà per la prossima vita!