Colpo Houston, rimonta Los Angeles e va in finale

0

Houston, dopo esser stata ad un passo in gara-6 dall’eliminazione, domina gara-7 e raggiunge Golden State per la finale di Western Conference. Niente da fare per i Los Angeles Clippers, battuti 113-100 da un Harden in stato di grazia con 31 punti, 7 rimbalzi e 8 assist. Inutili i 27 punti di Griffin e il 26 di Paul, conditi anche da 10 assist: il loro apporto non è mancato nei numeri quanto nell’approccio psicologico alla partita. I Clippers hanno perso la serie già in gara-6, dopo essersi fatti rimontare dal +19 dai Rockets. Da quel momento, è crollata ogni certezza psicologica della squadra di Rivers.

Houston invece guidata da Howard e Harden ha trovato una rimonta pazzesca che ricorda quella del 1995, anno in cui poi la squadra texana vinse l’anello. Houston in avanti già dal primo quarto 28-21, ha avuto solo qualche problema verso l’inizio del secondo tempo quando Paul ha provato in tutti i modi a far tornare in partita i suoi. Dopo il -3 però Houston è tornata a dilagare, ha chiuso in scioltezza il terzo quarto a +17 e nel quarto ha controllato agevolmente. Ennesima delusione per i Clippers, trionfo per Houston che ora in finale dovrà vedersela contro l’MVP Steph Curry.