Come aprire un pub: tutti i consigli per partire alla grande

0
fonte: google immagini contrassegnate per essere riutilizzate

Sono sempre di più le persone che decidono di aprire un pub per realizzare il desiderio di avviare una nuova attività e mettersi in proprio. Si tratta di una scelta vincente ma che, al tempo stesso, richiede tempo e attenzione per quelli che sono sia gli aspetti pratici che burocratici. Non si può aprire una nuova attività senza porsi degli obiettivi e senza lavorare affinché questi vengano raggiunti nel migliore dei modi.

Se si desidera ottenere il successo, infatti, è necessario studiare tutto prima di partire. Si dovranno prendere in considerazione quelli che sono i costi e le spese necessarie per avviare l’attività, il posto in cui aprire, la zona, il pubblico a cui rivolgersi e così via.

Tutti questi aspetti, quindi, e non si può soprassedere quando si decide di aprire un pub. Vediamo step by step le varie fasi che portano all’apertura di una attività di questo tipo.

Cosa fare prima di aprire un pub

Come detto, quello della ristorazione in senso ampio è un settore che non conosce crisi. Proprio per questo motivo sono sempre di più i soggetti, soprattutto giovani, che decidono di aprire un pub o un’attività simile.

Questo perché le persone sono alla costante ricerca di un posto in cui ritrovarsi con gli amici, bere dell’ottima birra e mangiare qualcosa in compagnia. Insomma, un pub diventa un punto di ritrovo ancor prima di essere un posto in cui si possono consumare ottime pietanze e bere delle birre selezionate.

Per questo motivo, non ci si può permettere di sbagliare. Quando si inizia a pensare all’ipotesi di aprire un’attività di questo tipo, si devono prendere in considerazione alcuni aspetti. Quale sarà la sede del pub? C’è chi ha già un locale di proprietà e chi, invece, dovrà prenderne uno in affitto. In entrambi i casi sarà importante andare a capire e studiare le caratteristiche della zona, la presenza di eventuale concorrenza.

Questo serve a diversificare l’offerta, così come serve anche a capire in anticipo a che clientela ci si andrà a rivolgere. Tutto questo ha un costo ed è, quindi, importante stilare un business plan. Quali sono le risorse a propria disposizione e qual è la somma che si può investire nel progetto? Questi soldi serviranno anche per sistemare il locale e per comprare la migliore attrezzatura da pub possibile. Si inizia con gli spillatori soprabanco per birra, come quelli che si possono acquistare su LaSpillatura.it, e si termina con quelli che sono gli arredi veri e propri: panche, tavoli, sedie, mobilia e così via. Solo dopo aver pianificato tutto nei minimi termini e pensato a questi aspetti pratici si inizierà a concretizzare il sogno. Attenzione, però, perché a questi aspetti si devono affiancare anche quelli burocratici. Questo significa che sarà importante andare a controllare di essere in possesso di tutti i requisiti per aprire un pub e di aver richiesto tutte le autorizzazioni per la somministrazione di cibo e bevande alcooliche. Insomma, ci sono diversi punti da prendere in considerazione ma, alla fine dei conti, ne varrà sempre la pena poiché si andrà a realizzare un sogno che per molti dura da una vita intera.