Come scegliere i mobili per la lavatrice

0
lavatrice fonte foto: pixabay.com - auntmasako

Sapevate che esiste un’ampia scelta di mobili per lavatrice? Basta con ‘scatolami’ cupi che devono soltanto fungere al loro compito e basta, senza dare un tocco di originalità alla vostra casa. Oggi le soluzioni proposte, infatti, sono davvero tante e tendono anche a nascondere l’elettrodomestico stesso, in questo caso la lavatrice.

Da premettere, però, che generalmente la lavatrice si trova nel bagno, dove l’umidità la fa da padrone rischiando di deteriore in breve tempo il mobile. Proprio per questo motivo, infatti, i mobili per la lavatrice vengono realizzati con nobilitato idrofugo V100, fortemente antiumido.

Il mobile lavatrice interno è, generalmente, più bello ed è anche più funzionale, con scomparti e cassetti per inserire i panni da lavare/stirare o altro vestiario che può essere utile. Spesso sono realizzati in legno, truciolato rivestito in essenza di legno, PVC, resina e anche con un tessuto tessuto sorretto da plastica e acciaio. Attenzione, comunque, all’estetica: come dicevamo prima, questi oggetti possono ‘nascondere’ gli elettrodomestici creando una situazione piacevole che i vostri ospiti apprezzeranno.

Il mobile lavatrice esterno, invece,  deve essere più resistente rispetto a quello per interni, poiché più soggetto a sollecitazioni: i materiali, quindi, devono essere in acciaio inox o alluminio poiché resistono meglio agli agente atmosferici che, inevitabilmente, riducono col tempo le prestazioni del mobile per poi costringerti a cambiarlo.

Al di là della funzione strettamente operativa, quindi, proprio perché oggi dell’estetica non si può proprio più farne a meno, sono presenti diversi modelli (anche da IKEA ad esempio, dove la personalizzazione è ancora più forte) che sono, praticamente, adatti a ogni stile e colore che avete scelto per la vostra casa.