domenica, Marzo 3, 2024
Home Blog

Corona è tornato: “La mia è una storia particolare in un Paese particolare”

Fabrizio Corona reduce da tre anni di galera si è confessato a Verissimo, in un’intervista con Silvia Toffanin. Corona è stato un fiume in piena. Non si è risparmiato e nel suo mirino è entrata molta gente dello show business.

“Quando hai sofferto tanto provi emozioni per cose importanti come un amore o un figlio, ma la televisione non è un punto di riferimento per me. Non faccio le cose per stare sotto i riflettori come dicono i miei detrattori, io sono sotto i riflettori. La mia vita è uno storytelling fatto e scritto di cui non parlano solo programmi, ma anche quotidiani, telegiornali, tutti. La mia è una storia particolare in un Paese particolare”.

L’ex re dei paparazzi ha attaccato: Barbara d’Urso, Alda D’Eusanio e Nina Moric. Fabrizio non si è lasciato scoraggiare dalla Toffanin.

“Hanno paura di quello che potrei dire, ad esempio che la Legge è sbagliata. I giudici la applicano in base alla propria interpretazione e quindi non può essere uguale per tutti. Sono vittima di un gravissimo pregiudizio”.

L’ex paparazzo parla della rabbia e della prigione. “La rabbia non posso spegnerla, è quella che mi ha tenuto in vita. In carcere tutti sono in depressione, si dorme per l’80% del tempo, io invece non mi sono mai riposato durante il giorno. Mi dividevo la giornata in orari precisi: studiavo, lavoravo, mandavo avanti l’ufficio. Nel mio lavoro sono un genio come Maradona con il piede sinistro. Ci sono bigotti e mediocri che parlano di me chiedendo che lavoro faccio. Chiariamo: io ho un’agenzia di comunicazione ed eventi, ho rivoluzionato il mondo del gossip, negli ultimi sette anni ho pagato oltre 9 milioni di euro di tasse, quale società può dire di averlo fatto? Nessuno! Io ero l’unico che non poteva rilasciare interviste, lo può fare Sabrina Misseri e non io”.

Fabrizio ha dichiarato di aver trovato vergognosa l’entrata nel Grande Fratello di Nina Moric. “Pietoso, vergognoso, pietoso, prima di quest’apparizione televisiva pensavo di aiutarla, pensavo fossero lacrime vere quelle che sentivo al telefono e ora invece non le risponderò mai più. Non si può strumentalizzare il figlio. Si è fatta strumentalizzare dal programma e da quella donna”.

Indignato dalla sua ex moglie, si scaglia anche contro la D’Urso. “Chi è Barbara d’Urso? Non la rispetterò mai.” La Toffanin però ha cercato di moderare, anche se inutilmente, il comportamento dell’ospite. “Non puoi venire qui e offendere tutti, chiedo scusa a Barbara che non se lo merita e a Nina, qui poi c’è un minore e non mi voglio mettere in mezzo”.

Alla fine, gli occhi di Fabrizio si illuminano quando si tocca l’argomento Silvia Provvedi.

“Silvia è la terza storia importante della mia vita. Quello che provo per Silvia non l’ho mai provato in vita mia. Una roba strana, particolare che non riesco a descrivere. È una donna speciale, a 24 anni non è una ragazzina. Quello che provo per lei e che lei ha fatto per me è una cosa indescrivibile. Le ho affidato tutto anche i soldi e in galera non mi ha fatto mancare niente. Non ha mai saltato un colloquio. Mi faceva i pacchi con amore e ci scrivevamo quattro volte al giorno. Io aspettavo con ansia il suo bigliettino di conferma per il colloquio.”

Un momento toccante è stato quando la conduttrice ha nominato il padre di Corona. Nei suoi occhi, quando parla del padre, traspare solo tanta sincerità e stima.

“È la parte più bella della mia vita. Ho la sindrome del padre perfetto, non sarò mai alla sua altezza, lui era incorruttibile io sì. E’ l’esempio del vero giornalismo, di ciò che è giusto e corretto. Per i principi andava anche contro il denaro. Negli ultimi anni ha lavorato a “Star Tv” e si è reso conto di cosa avevo creato. Nel dicembre 2006 era partita Vallettopoli e gli dissi che mi avrebbero arrestato e lui pur malato mi urlò contro, mi cacciò di casa e non mi volle più vedere. L’ho visto spirare, ho visto il passaggio dalla vita alla morte e me lo porterò dentro.”

“Andrò a trovarlo quando farò qualcosa di importante, quando avrò recuperato il rapporto con mia madre e con Carlos che non stanno bene.”