Coronavirus, approvato vaccino AstraZeneca: “Perplessità sull’utilizzo per gli over 55”

Il vaccino è stato approvato dall'Ema ma alcuni Paesi frenano sull'utilizzo per quanto riguarda la fascia degli over 55

0
come prenotare vaccino
Google Licenze Creative Commons

L’agenzia europea del farmaco ha approvato il vaccino di Oxford-AstraZeneca. Le dosi saranno in commercio per tutti, compresi gli adulti over 55, ma alcuni Paesi frenano a causa dei pochi dati raccolti per questa fascia di età.

GERMANIA E FRANCIA FRENANO IL VACCINO PER GLI OVER 55 – Gli esperti dell’Ema hanno dichiarato di non avere in possesso tutti i dati sull’efficacia del vaccino AstraZeneca per la fascia over 55. Per questo motivo, Germania e Francia frenano le iniezioni per questi ultimi. Da Berlino, infatti, è arrivata la notizia circa l’utilizzo di questo vaccino solo per la popolazione più giovane.

Anche Emmanuel Macron, presidente francese, ha espresso perplessità sull’utilizzo di questo vaccino per la popolazione senior, soprattutto dopo aver ascoltato le dichiarazioni dell’Ema. L’Italia, invece, deciderà oggi con la riunione dei tecnici dell’Aifa. Nonostante la buona notizia del vaccino AstraZeneca in commercio, resta lo scontro tra l’azienda farmaceutica e Bruxelles.

SCONTRO BRUXELLES – ASTRAZENECA – La Commissione europea ha pubblicato il contratto con AstraZeneca dopo diversi scontri tra i due e ha dato il via libera al “meccanismo per la trasparenza sull’export”. Questo è un vero e proprio scontro, non citato nemmeno dall’Oms, e si fanno sempre più insistenti le voci su alcune dosi già partite verso il Regno Unito dallo stabilimento belga di AstraZeneca.

Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione europea, domenica pomeriggio avrà una riunione con i Ceo delle aziende per fare il punto della situazione. “Il contratto con AstraZeneca è chiarissimo, ci sono ordini vincolanti, con quantità di consegne per il quarto trimestre del 2020 e per il 2021” ha spiegato von der Leyen.

Pascal Soriot, Ad di AstraZeneca, ha placato le polemiche: “Lasciamo le polemiche per un altro giorno. Ci sono milioni di dosi efficaci al 100% nei casi gravi e pronte per essere inviate nei Paesi Ue già nei prossimi giorni. Stiamo producendo 100 milioni di dosi al mese e siamo solo all’inizio”. Tuttavia, occorrerà anche capire se questo vaccino sarà efficace ugualmente contro le varianti del Covid-19, poiché al momento “non ci sono dati” ha dichiarato la direttrice dell’Ema, Emer Cooke.