Coronavirus, bollettino Protezione Civile (1 aprile 2020)

I dati di oggi della Protezione Civile.

0

L’Italia è da quasi un mese in quarantena forzata a causa dell’emergenza Covid-19, comunemente denominato Coronavirus. In queste ore è stato firmato un nuovo decreto per consentire a un genitore di far uscire i propri figli nei pressi delle proprie abitazioni e rispettando le distanze di sicurezza; una decisione molto contestata.

Nel frattempo, il sito internet dell’INPS è andato in tilt a causa delle numerose richieste per il bonus da 600 euro che aiuterà numerose famiglie a contrastare l’emergenza. Un vero e proprio assalto: 100 domande ogni secondo. “Sito INPS sotto attacco hacker” ha dichiarato il premier Giuseppe Conte.

Sul fronte europeo, è proprio l’Europa il continente più colpito dal virus, nonostante nella sola città di New York si attendono circa 240 mila morti. In Spagna si registra un nuovo record, così come in Belgio. Nel mondo si sono registrati quasi 800 mila casi, numeri che fanno paura. “Supereremo insieme questo periodo travagliato” ha dichiarato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Nella conferenza stampa delle 18, il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ci fornisce il bollettino quotidiano dell’epidemia.

I DATI – Attualmente in Italia si registrano 2937 pazienti positivi in più per un totale di 80572, di cui 4035 in terapia intensiva, 28403 ricoverati con sintomi e 48134 in isolamento domiciliare con sintomi lievi o asintomatici. Oggi si registrano 727 deceduti e 1118 guariti per un totale di 16847 guariti totali. 103 sono i pazienti trasferiti dalla Lombardia, 7 in più rispetto a ieri, 30 dei quali ospitati in Germania.

Diverse segnalazioni di raccolte fondi non autorizzate dal Dipartimento sono state bloccate e denunciate. Si invitano i cittadini a non affidarsi a fonti non ufficiali.