Coronavirus, bollettino Protezione Civile (1 maggio 2020)

I dati aggiornati della Protezione Civile.

0
Coronavirus, fonte google contrassegnate per essere riutilizzate
Coronavirus, fonte google contrassegnate per essere riutilizzate

Oggi, venerdì 1 maggio, sono tanti i cittadini che hanno deciso di riprendersi la libertà e uscire di casa, aiutati anche da varie ordinanze regionali. Sta facendo molto discutere la decisione della regione Calabria di riaprire tutti i bar e ristoranti; decisione costata a Jole Santelli una diffida da parte del Governo.

C’è molta agitazione anche tra i nostri politici: le dichiarazioni in Senato di Matteo Renzi hanno suscitato un’ondata di proteste ed è stato accusato di “sciacallaggio”. “La gente di Bergamo e Brescia non c’è più, se potesse parlare ci direbbe di ripartire anche per loro” ha affermato il leader di Italia Viva. Parole che hanno ferito il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, il quale ha commentato: “Uscita infelice, strumentale”.

Sul fronte europeo e mondiale, la cancelliera Angela Merkel ha deciso di far ripartire la Germania con cautela ma impedendo i viaggi in Europa. L’OMS ha dichiarato che la situazione rimane seria, 1,4 milioni di casi nel nostro continente e 130 mila morti. Sta facendo parecchio discutere la dichiarazione del Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sul Covid-19. Pare che il Presidente abbia le prove sulla sua diffusione: “Il Coronavirus originato dal laboratorio di Wuhan? Sì, ne sono certo”, tuttavia, ha affermato di non poterle mostrare.

Il Dipartimento della Protezione Civile e il suo capo, Angelo Borrelli, ci forniscono il bollettino quotidiano dell’emergenza in Italia reperibile sul sito ufficiale e gli organi competenti.

I DATI DI OGGI – Attualmente i casi totali di Covid-19 dall’inizio dell’epidemia sono 207.428 con un incremento di 1.965 contagi. Il totale degli attualmente positivi è pari a 100.943 con un decremento di 608 unità. 1.578 pazienti sono in terapia intensiva, 17.569 ricoverati con sintomi e 81.769 in isolamento domiciliare con sintomi lievi o asintomatici. Oggi si registrano 269 decessi che porta il totale a 28.236 morti. Il numero dei guariti e dimessi è di 2.304 per un totale di 78.249 pazienti guariti.