giovedì, Luglio 25, 2024
HomeCronacaCoronavirus, bollettino Protezione Civile (19 maggio 2020)

Coronavirus, bollettino Protezione Civile (19 maggio 2020)

I dati diffusi dalla Protezione Civile.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è intervenuto alla sessione conclusiva della settantatreesima Assemblea mondiale della Sanità e ha ricordato tutti coloro che hanno fronteggiato il Covid-19. “Ora stiamo allentando la maggior parte delle restrizioni, mantenendo però rigorose misure di sicurezza per ogni attività sociale e commerciale. Continuiamo a rafforzare le nostre infrastrutture sanitarie, aumentando le unità di terapia intensiva e assumendo medici e operatori sanitari. Abbiamo ampliato i test e sviluppato un piano di monitoraggio a livello nazionale in sinergia con le nostre autorità locali” ha dichiarato.

Il premier ha inoltre affermato che “i dati sulla diffusione dell’epidemia sono incoraggianti” e dimostrano che “i nostri sforzi e i sacrifici collettivi hanno dato i loro frutti”. Importante è accelerare gli sforzi per trovare un vaccino efficace e garantirne un accesso equo e universale, senza lasciare nessuno indietro.

Il Dipartimento della Protezione Civile e il suo capo, Angelo Borrelli, ci forniscono il bollettino quotidiano dell’epidemia in Italia, reperibile sul sito della Protezione Civile e dagli organi competenti.

I DATI DI OGGI – Attualmente in Italia, i casi totali registrati dall’inizio dell’epidemia sono 226.699 con un incremento di 813 contagi. Il numero totale delle persone attualmente positive è pari a 65.129 con un decremento di 1.424 unità. I pazienti ricoverati sono 9991 di cui 716 in terapia intensiva e 54422 in isolamento domiciliare. Oggi si registrano 162 decessi (ieri erano 99) per un totale di 32.169. I dimessi/guariti odierni sono 2.075 che porta il totale a 129.401.

 

Valentina Sammarone
Valentina Sammarone
"Giornalismo è diffondere ciò che qualcuno non vuole si sappia; il resto è propaganda. Il suo compito è additare ciò che è nascosto, dare testimonianza e, pertanto, essere molesto." (Horacio Verbitsky)
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME