lunedì, Aprile 22, 2024
HomeCronacaCoronavirus, bollettino Protezione civile (22 giugno 2020)

Coronavirus, bollettino Protezione civile (22 giugno 2020)

I dati aggiornati e diffusi dalla Protezione civile.

La residenza per anziani Pio Albergo Trivulzio a Milano torna finalmente a respirare. Dopo essere stata al centro di una gravissima inchiesta per i numerosi decessi durante l’epidemia Coronavirus, sono riprese in via sperimentale le visite dei parenti. In Campania il presidente della Regione, Vincenzo De Luca, ha dichiarato che la situazione è sotto controllo ed è per questo che l’uso delle mascherine, almeno all’aperto, è diventato facoltativo.

Sul fronte europeo e mondiale, preoccupa il focolaio nei mattatoi della Westfalia, in Germania. Sono oltre 1.300 i contagiati accertati per cui il governatore tedesco, Armin Laschet, avverte la popolazione di un’ipotetica quarantena nella regione. Nelle ultime 24 ore, l’Oms ha registrato 183 mila nuovi casi di contagio in tutto il mondo, a riportarlo la Bbc. Si tratterebbe del dato più alto dall’inizio della pandemia, dovuto soprattutto ai casi registrati in questo periodo negli Stati Uniti e America Latina.

Il Dipartimento della Protezione civile e il suo capo, Angelo Borrelli, ci forniscono il bollettino quotidiano dell’epidemia in Italia, reperibile sul sito della Protezione civile, Ministero della Salute e organi competenti.

I DATI DI OGGI – Attualmente in Italia, il numero dei casi totali dall’inizio dell’epidemia è pari a 238.720 con un incremento di 221 contagi. Il totale delle persone attualmente positive è 20.637 con un decremento di 335 unità. I pazienti ricoverati presso le strutture ospedaliere sono 2.038 di cui 127 in terapia intensiva e 18.472 in isolamento domiciliare. Oggi si registrano 23 decessi per un totale di 34.657 e 533 guariti/dimessi che porta il totale a 183.426.

Valentina Sammarone
Valentina Sammarone
"Giornalismo è diffondere ciò che qualcuno non vuole si sappia; il resto è propaganda. Il suo compito è additare ciò che è nascosto, dare testimonianza e, pertanto, essere molesto." (Horacio Verbitsky)
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME