sabato, Maggio 25, 2024
HomeCronacaCoronavirus, bollettino Protezione Civile (25 aprile 2020)

Coronavirus, bollettino Protezione Civile (25 aprile 2020)

I dati aggiornati della Protezione Civile.

L’Italia ha festeggiato per la prima volta la Festa della Liberazione in casa a causa del Coronavirus. Gli esponenti principali della politica hanno ricordato il 25 aprile tramite social network e il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha omaggiato i caduti all’altare della Patria a Roma, da solo e munito di mascherina. Il premier Giuseppe Conte si è affidato ai versi di Francesco De Gregori per ricordare il 75esimo anniversario della Liberazione.

“Viva l’Italia, l’Italia liberata, l’Italia con gli occhi asciutti nella notte scura, Viva l’Italia, l’Italia che non ha paura. L’Italia con gli occhi aperti nella notte triste. Viva l’Italia, l’Italia che resiste” ha scritto il Presidente del Consiglio dei ministri. Sembrerebbe essersi fermata la polemica innescata da Fratelli d’Italia che una settimana fa proponeva di dedicare questa giornata alle vittime del Covid-19 e di tutte le guerre.

Sul fronte europeo e mondiale, Bill Gates ha ribadito il suo impegno nella lotta contro il virus e ha dichiarato che contribuirà a finanziare il vaccino qualora dovesse risultare efficace. “Siamo tutti dalla stessa parte” ha spiegato Gates.

Il Dipartimento della Protezione Civile e il suo capo, Angelo Borrelli, ci fornisce il bollettino quotidiano dell’epidemia in Italia reperibile sul sito della Protezione Civile e gli organi competenti.

I DATI DI OGGI – Il totale delle persone attualmente positive è pari a 105.847 con un decremento di 680 unità, di cui 2102 in terapia intensiva, 21.533 ricoverate in ospedale e 82.212 in isolamento domiciliare con sintomi lievi o asintomatici. Nelle ultime ventiquattro ore sono decedute 415 persone per un totale di 26.384 decessi. I guariti o dimessi di oggi sono 2622 che porta il totale a 63.120. Il numero totale di persone che hanno contratto il virus dall’inizio l’epidemia è 195.351.

Valentina Sammarone
Valentina Sammarone
"Giornalismo è diffondere ciò che qualcuno non vuole si sappia; il resto è propaganda. Il suo compito è additare ciò che è nascosto, dare testimonianza e, pertanto, essere molesto." (Horacio Verbitsky)
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME