Coronavirus, bollettino Protezione Civile (4 aprile 2020)

I dati aggiornati della Protezione Civile.

0

Oggi il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, ha informato i cittadini della morte di Giorgio Gustamacchia, fidato agente facente parte della sua scorta. Il poliziotto, di anni 51, ha lasciato la moglie Emanuela e due figli. Nei giorni scorsi l’uomo era stato ricoverato a Roma dopo aver contratto il virus Covid-19. “Rimarrà per me indelebile il ricordo della sua dedizione professionale, dei suoi gesti generosi, dei suoi sorrisi ravvivati da un chiaro filo di ironia” ha fatto sapere Conte tramite social.

Sul fronte europeo e mondiale, sono 809 i decessi registrati oggi in Spagna mentre 708 in Gran Bretagna; in Europa si contano ormai 40.000 morti per Coronavirus. Per la prima volta dall’inizio dell’emergenza, il Giappone segnala più di 300 nuovi casi di Covid-19 in un giorno, segnali che spaventano le autorità. Gli Stati Uniti registrano un nuovo record mondiale di decessi per il coronavirus in un giorno, 1.480 persone: oltre 7.400 in totale le vittime nel Paese.

Nel frattempo, dall’Australia arriva un po’ di speranza grazie alla scoperta di un farmaco antiparassitario, chiamato Ivermectin, che potrebbe distruggere il virus in 48 ore. Nulla è ancora confermato. Nella conferenza stampa delle 18, il capo del Dipartimento della protezione Civile, Angelo Borrelli, ci fornisce il bollettino quotidiano dell’epidemia.

I DATI DI OGGI – Attualmente in Italia si registrano 2886 persone positive in più per un totale di 88274, di cui 3994 in terapia intensiva, 29010 ricoverati con sintomi e 55270 in isolamento domiciliare con sintomi lievi o asintomatici. I numeri in terapia intensiva sono in calo e questo consente agli ospedali di respirare. Purtroppo oggi si registrano 681 decessi, valori in calo rispetto alla fine di marzo. I guariti totali sono 20996, 1238 in più rispetto a ieri. I pazienti trasferiti dalla Lombardia sono 114, 38 in Germania.

Dall’Ucraina sono arrivati 13 medici e alcuni paramedici per aiutarci a contrastare in virus, opereranno nelle Marche, tra Pesaro e Urbino.