Coronavirus, bollettino Protezione Civile (5 aprile 2020)

I dati aggiornati della Protezione Civile.

0
Coronavirus, fonte google contrassegnate per essere riutilizzate
Coronavirus, fonte google contrassegnate per essere riutilizzate

La sfida contro il Coronavirus si fa sempre più difficile, tuttavia, non mancano le buone notizie. Oggi allo Spallanzani di Roma si sono registrati più dimessi che positivi, una piccola vittoria. Anche in Toscana si registrano più guariti che morti, è la prima volta dall’inizio dell’epidemia. Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, ha dichiarato che al momento è impossibile comunicare una data per la fine della quarantena, l’importante è continuare a seguire le regole imposte dal governo poiché stanno dando i primi frutti.

Sul fronte europeo e mondiale, questa sera la Regina Elisabetta II parlerà alla nazione (ore 21 italiane), un evento registratosi quattro volte in più di sessant’anni di regno. Con un totale di oltre 46 mila morti e più di 627 mila casi confermati, l’Europa è il continente più colpito. La Spagna ha superato l’Italia per numero di contagi, oltre 130 mila positivi e 12 mila decessi. Tuttavia, i dati di oggi confermano un lieve ribasso con 674 morti.

Le autorità competenti in Francia hanno ribadito l’appello alla popolazione a rimanere a casa, in quanto “si sta avvicinando il picco dell’epidemia” nelle regioni può colpite. In tutto il mondo si contano 65.652 persone contagiate dal coronavirus decedute. I casi accertati sono 1.213.927 mentre i guariti sono 252.391.

Nella conferenza stampa delle 18, il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ci fornisce il bollettino quotidiano dell’epidemia.

I DATI – Attualmente in Italia si registrano 2972 pazienti positivi in più, per un totale di 91246 di cui 3977 in terapia intensiva, 28949 ricoverati con sintomi lievi e 58320 in isolamento domiciliare con sintomi lievi o asintomatici. Oggi si registrano 525 decessi, il dato più basso registrato dal 19 marzo. I guariti di oggi sono 819 per un totale di 21815. I pazienti trasferiti dalla Lombardia sono 116 ma da oggi si interrompono i trasferimenti poiché gli ospedali della regione non hanno più bisogno di essere alleggeriti.

LE RACCOMANDAZIONI – Il dottor Borrelli ha esortato i cittadini a seguire le regole imposte dal governo proprio per questi dati positivi. Inoltre, il capo della Protezione Civile ha chiarito di non indossare la mascherina poiché può rispettare le distanze di sicurezza nei posti dove lavora, tuttavia, l’ordinanza della Lombardia va rispettata soprattutto in ambienti dove non si possono rispettare tali misure.