Coronavirus, bollettino Protezione Civile (5 maggio 2020)

I dati aggiornati della Protezione Civile.

0
Coronavirus, fonte google contrassegnate per essere riutilizzate
Coronavirus, fonte google contrassegnate per essere riutilizzate

La Fase 2 sta rianimando le città italiane, il traffico è aumentato e per ora i trasporti pubblici stanno tenendo il ritmo. Il Governo continua nella lotta, a livello economico, contro il Covid-19: il decreto di aprile-maggio a sostegno del sistema produttivo è già entrato in vigore. Previsti tagli di bollette e affitti almeno per i prossimi tre mesi, soprattutto per i settori in sofferenza come bar, ristoranti e alberghi.

Buone notizie arrivano dalla provincia di Cremona, dove per la prima volta si registrano zero decessi e solo tre nuovi positivi nelle ultime 24 ore; numeri che fanno sperare. “Gli italiani hanno mostrato grande senso di responsabilità, ma non si deve dimenticare che la strada è ancora lunga” ha dichiarato il premier Giuseppe Conte.

Sul fronte europeo e mondiale, il nuovo bilancio dei decessi in Gran Bretagna (32 mila decessi totali) la portano al primo posto superando anche l’Italia, il paese più colpito dal virus. Ha creato scalpore la notizia secondo cui in Francia pare che il primo contagio da Coronavirus fosse avvenuto già a dicembre, a confermarlo il dorrot Yves Cohen, capo dei servizi di rianimazione degli ospedali Jean Verdier a Bondy e Avicenne a Bobigny. Nel frattempo, in Germania hanno riaperto i parrucchieri con le dovute precauzioni e regole da rispettare.

Negli Stati Uniti, il virus non rallenta anche se il distanziamento sociale sta dando i primi timidi segnali a New York. Tuttavia, pare che il presidente Donald Trump sia pronto a far ripartire alcune attività produttive. Dramma in Russia, dove due medici sono precipitati da una finestra dell’ospedale, entrambi avevano criticato la gestione dell’emergenza e pare fossero positivi al virus.

Il dipartimento della Protezione Civile e il suo capo, Angelo Borrelli, ci forniscono il bollettino quotidiano dell’epidemia in Italia, reperibile sul sito della Protezione Civile e dagli organi competenti.

I DATI DI OGGI – Attualmente in Italia, i casi registrati di contagio da Coronavirus dall’inizio dell’epidemia sono 213.013 con un incremento di 1.075 unità. Il numero totale delle persone attualmente positive sono 98.467 con un decremento di 1.513 unità. I pazienti nelle terapie intensive sono 1.427, 16.270 ricoverati in sintomi e 80.770 in isolamento domiciliare con lievi sintomi o asintomatici. Oggi si registrano 236 decessi che porta il totale a 29.315 e 2.352 dimessi e guariti per un totale di 85.231 guarigioni.