Coronavirus, bollettino Protezione Civile (6 giugno 2020)

I dati diffusi dalla Protezione Civile.

0

La curva epidemiologica del virus sembrerebbe abbassarsi, tranne in Lombardia dove si registrano la maggior parte di contagi e decessi. Una buona notizia arriva dalla regione Basilicata, dove da dieci giorni non si registrano casi di Coronavirus e nessun decesso da quasi un mese. Tuttavia, l’Istituto superiore di sanità ha affermato che l’epidemia non è ancora conclusa poiché si riscontrano diversi focolai nelle zone più colpite.

Sul fronte europeo e mondiale, sono ormai 6 milioni e mezzo i casi di contagio e quasi 390 mila decessi. La Gran Bretagna ha raggiunto quota 40 mila morti diventando così il paese più colpito nel continente europeo, secondo solo agli Stati Uniti. Il Brasile, nelle ultime 24 ore, ha registrato 30 mila nuovi casi di contagio e quasi 35 mila decessi, tuttavia, il presidente Jair Bolsonaro sta pensando di ritirare il paese dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per “pregiudizi ideologici”.

Il Dipartimento della Protezione Civile e il suo capo, Angelo Borrelli, ci forniscono il bollettino quotidiano dell’epidemia in Italia, reperibile sul sito della Protezione Civile, Ministero della Salute e organi competenti.

I DATI DI OGGI – Attualmente in Italia, il numero totale dei casi dall’inizio dell’epidemia è di 234.801 con un incremento di 270 contagi. Il numero totale delle persone attualmente positive è pari a 35.877 con un decremento di 1.089. I pazienti ricoverati in ospedale sono 5.002 di cui 293 in terapia intensiva e 30.582 in isolamento domiciliare. Oggi si registrano 72 decessi per un totale di 33.846 e 1.297 guariti/dimessi per un totale di 165.078.