Coronavirus: disoccupato, solo e senza cibo dopo la morte della madre e del fratello

0
Frigo vuoto, Fonte Flickr

Rimanere chiusi in casa, non potendo festeggiare a dovere la domenica delle Palme, non è sicuramente facile per nessuno. Ogni cittadino è sceso a compromessi per fronteggiare la piaga che infligge il nostro paese e rispettare la quarantena instaurata dal Governo. Ma esiste chi, dall’inizio di questa situazione, ha passato letteralmente le pene dell’inferno.

SOLO IN CASA – Cosa c’è di peggio che non potersi nemmeno più nutrire in un periodo simile? Non poter neanche più andare a fare la spesa? Questo è il caso di un uomo di 54 anni a Garlasco, in provincia di Pavia.

Le forze dell’ordine lo hanno trovato in condizioni pietose, oltre ad essere positivo al Coronavirus, non aveva più niente per sostenere la propria fame. Solo e affamato in casa è rimasto isolato da tutto e da tutti per diversi giorni.

LA MORTE DEI FAMILIARI – La solitudine dell’uomo è la diretta conseguenza di due tragici eventi. Il primo è la morte della madre, per cause naturali un mese fa, la seconda è quella del fratello, la cui dipartita invece è da attribuire al famigerato virus. Virus che ha poi infettato anche il 54enne.

UN GENEROSO GESTO ANONIMO – Fortunatamente, in momenti duri come questi, la solidarietà si manifesta (non sempre ma può succedere). E così, dopo che l’uomo è stato trovato dalla polizia, finalmente ha potuto sfamarsi proprio nella giornata che simboleggia l’inizio della settimana santa. Questo grazie ad un ristoratore anonimo e la sua calda e generosa offerta.