Coronavirus: i contagiati salgono a 229, disagi e psicosi in tutto il Paese

0

La settimana è iniziata all’insegna della psicosi da Coronavirus. Il bollettino medico è sensibilmente peggiorato rispetto al weekend con 229 casi accertati nel nostro paese e già 7 persone decedute. La popolazione ha iniziato a entrare nel panico e in molte regioni (specie al nord, ma non solo) ha iniziato a saccheggiare i supermercati e a fare provviste di viveri.

Nel frattempo, gli altri paesi stanno sconsigliando di viaggiare in Italia e stanno annullando gite e viaggi programmati per le prossime settimane. La Francia ha addirittura imposto quattordici giorni di isolamento per tutti coloro i quali rientrano dalla Lombardia e dal Veneto. Anche l’Israele sta varando lo stesso provvedimento per chi arriva dall’Italia onde evitare la diffusione.

Sulla vicenda è intervenuto anche il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus che ha affermato che per il momento il Coronavirus è un’epidemia e non una pandemia. Ha poi aggiunto: “Dobbiamo concentrarci sul contenimento e allo stesso tempo fare ogni cosa possibile per prepararci ad una potenziale pandemia. Ogni Paese deve fare le sue valutazioni a seconda del proprio contesto. Anche noi lo faremo, monitorando 24 ore su 24 la situazione”.

Inoltre, dall’OMS hanno aggiunto che per ora l’allarme non è tale da giustificare il panico e la psicosi che si sono creati. A intervenire riguardo le possibilità di guarigione è stato Michael Ryan, responsabile del programma di risposta alle emergenze che ha dichiarato che pur contraendo il virus, in un paio di giorni, per hi non ha complicanze, finisce tutto. Solo il 20%, stando alle stime pubblicate, si ammala gravemente.

A risentirne della situazione sono stati i trasporti ferroviari con i treni che hanno subito ritardi fino a 90 minuti per consentire, all’altezza di Casalpusterlengo, regolari controlli sanitari. Per evitare il ripetersi del disagio anche nella giornata di domani, le comunicazioni ferroviarie verranno ridotte per consentire maggiore agilità nei controlli.