Coronavirus, Ilaria Capua: “Il virus muta ma i vaccini rispondono”

La virologa ha spiegato perché le mutazioni del virus non diminuiscono l'efficacia del vaccino

0
Il COVID-19 non esiste più
Ilaria Capua, Fonte Wikipedia

Ilaria Capua, virologa del dipartimento dell’Emerging Pathogens Institute dell’Università della Florida, è intervenuta nel programma serale DiMartedì in onda su La7. L’analisi della Capua si è basata sulla spiegazione delle mutazioni del virus e l’efficacia dei vaccini; inoltre, ha speso due parole sulle dimissioni del Presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte.

LE DICHIARAZIONI DI ILARIA CAPUA SUL VIRUS“Siamo in un momento di circolazione virale attiva e ciò si vede dai numeri non solo italiani ma anche europei. Per questo si deve accelerare con le vaccinazioni e proteggere le persone che sono fragili” ha esordito la virologa durante la messa in onda del programma. “Le mutazioni osservate fino ad oggi non alterano l’esterno del virus, che è quello contro cui si producono gli anticorpi. Ciò significa che il virus muta ma i vaccini rispondono ha chiarito Ilaria Capua.

“Le varianti mantengono l’esteriorità di sempre e attivano così la risposta degli anticorpi. Altra faccenda sono le mutazioni del motore del virus. Abbiamo ad oggi una serie di varianti, alcune più studiate e più trovate. Quella inglese è molto presente, più trasmissibile ma assolutamente non abbiamo evidenza che sia cambiata nella sua capacità di indurre malattia grave. Non c’entra con la letalità” ha spiegato la dottoressa Capua su queste varianti che preoccupano la popolazione.

LA PANDEMIA NON FINIRÀ A BREVE – La virologa Ilaria Capua ha svelato che la pandemia non finirà a breve, ma ci vorrà del tempo prima della sua scomparsa definitiva. “La pandemia è un fenomeno che non andrà via nel breve periodo e si manifesterà in maniera diversa a seconda di come noi sapremo gestirla” ha spiegato la dottoressa Capua prendendo come esempio il caso della Cina e premendo sulla campagna vaccinale.

“Non ho la bacchetta magica, non so cosa sia successo con i ritardi nella consegna dei vaccini. La scienza ha fatto l’impossibile in un anno ma tutto il resto, dalla refrigerazione alla logistica, è stato l’anello debole della catena. Dobbiamo imparare da queste lezioni. Uno dei grandi colli di bottiglia di questa emergenza è che non abbiamo vaccini termostabili, abbiamo sottovalutato che il rispetto della catena del freddo era l’elemento che poteva fare la differenza” ha continuato la virologa.

SULLE DIMISSIONI DI GIUSEPPE CONTE“Tutte le movimentazioni non necessarie andrebbero evitate perché anche la campagna elettorale rappresenta un fattore di rischio. Il virus non perde tempo e bisogna essere sempre molto attenti” ha dichiarato la donna su eventuali elezioni anticipate a seguito delle dimissioni del premier Giuseppe Conte.