Coronavirus, in Campania lo stop potrebbe durare fino alla fine di aprile

Probabile che le limitazioni in Campania vengano estese ulteriormente

0
Napoli, Campania, fonte Pixabay
Napoli, Campania, fonte Pixabay

Sono 193 i contagi da Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Campania, numeri che  fanno salire il totale positivi a 1945, confermando di fatto il trend delle ultime settimane. L’aumento dei casi è costante ma al momento sotto controllo. Il picco nella regione, secondo gli esperti, è previsto intorno al 15 di aprile, per tale motivo le limitazioni dovrebbero essere estese fino alle fine del mese.

Nonostante il blocco totale di aziende ed esercizi, salvo quelli che producono e forniscono beni di prima necessità, i contagi al Sud, seppur lentamente, continuano a salire. Ciò è dovuto ai rientri dei meridionali residenti al Nord che tornando a casa hanno infettato genitori e parenti.

Dopo l’esodo delle scorse settimane, il Governo ha imposto il divieto di spostamento dai comuni in cui ci si trova attualmente, ma il riciclo dei contagi dovuti ai rientri dovrebbe durare fino a metà aprile.

Riaprire dopo il 15 rischierebbe, dunque, di vanificare sforzi e sacrifici fatti fino a questo momento. Nonostante il presidente De Luca abbia predisposto un accordo con le strutture sanitarie private per gestire l’eventuale sovraffollamento, la Regione non ha intenzione di correre alcun rischio e toglierà il blocco solamente quando la situazione rientrerà.

Ai cittadini dovrebbe essere quindi richiesto un ulteriore sacrificio: restare in casa fino al termine di aprile, poi in base all’evolvere della situazione si deciderà se alleggerire la presa o meno.