Coronavirus, okay al cibo da asporto dalla prossima settimana in Campania

0
Fonte: Wikipedia. Foto di Google immagini contrassegnate per essere riutilizzate.

Il calo dei nuovi casi di contagio da Coronavirus si tradurrà inevitabilmente in misure meno restrittive di cui potremo godere nel prossimo futuro. Ottime notizie soprattutto per i tanti locali pubblici della Campania che inizieranno di nuovo a tirar su le proprie saracinesche dopo quasi quaranta giorni di lockdown totale tra marzo e aprile.

Tanti i messaggi di sollievo da parte degli imprenditori del settore gastronomico che ritornano a vedere la luce. Dalla prossima settimana, infatti, si potrà ricominciare a proporre al pubblico i propri prodotti ma esclusivamente tramite delivery.

Una ripresa delle attività a ranghi ridotti ma che permetterà a chi potrà contare sulle consegne a domicilio di ritrovare ossigeno dopo i mancati utili dei mesi scorsi. Gli effetti della crisi economica dovuta alla quarantena si ripercuoteranno sui bilanci di quasi tutti gli esercizi commerciali, e questa misura di alleggerimento permetterà loro di risalire gradualmente la china.

Al momento rimane una voce che, però, nel palazzo di Regione inizia a circolare con sempre maggiore insistenza. A dir la verità, in questi giorni, si sono levate alte le proteste all’indirizzo del Governatore De Luca per la sua gestione simil-militaresca della questione Covid-19.

Le lamentele dei tanti gestori, dunque, potrebbero trovare presto accoglimento da parte del Presidente della Giunta Regionale e segnare l’inizio della “fase due” su tutto il territorio campano. Nelle prossime ore sicuramente avremo notizie più chiare che dissiperanno gli eventuali e giustificati dubbi riguardo all’attuale situazione.