Coronavirus: sangue dei guariti testato sui pazienti, ottimi risultati dopo soli 3 giorni

0
Coronavirus, fonte google contrassegnate per essere riutilizzate
Coronavirus, fonte google contrassegnate per essere riutilizzate

In ogni parte del mondo scienziati, ricercatori, medici stanno studiando ogni possibile soluzione per sconfiggere definitivamente il COVID-19. Tra vaccini sperimentali e medicinali per il cancro, come il Tocilizumab, in Cina sembrano aver trovato una potenziale alternativa.

PLASMA CONVALESCENTE – Tale alternativa risiede nel sangue dei guariti. Nonostante possa sembrare un metodo approssimativo e non particolarmente convincente, in realtà i risultati sono parecchio incoraggianti.

Questa scoperta è stata riportata dalla rivista scientifica Pnas. Lo studio, condotto dalla Shanghai Jiao Tong University School of Medicine, dimostra chiaramente che iniettando il sangue sotto forma di “plasma convalescente” nei pazienti affetti dal Coronavirus, questi dovrebbero già migliorare dopo 3 giorni. Il team di Zhu Chen, Xinxin Zhang, Xiaoming Yang e colleghi hanno testato questa “terapia” su ben 10 contagiati, tra i 34 e 78 anni.

I MIGLIORAMENTI – 200 ml di plasma convalescente contenente alti livelli di anticorpi neutralizzanti. In soli 3 giorni sintomi come febbre, tosse e difficoltà nel respirare erano notevolmente diminuiti. Lo dichiara lo stesso corpo medico.

«Sono notevolmente migliorati e i pazienti hanno mostrato un aumento della conta dei linfociti, un miglioramento della funzionalità epatica e polmonare e una riduzione dell’infiammazione». Nessuna grave reazione in seguito al trattamento sembrerebbe, se non altro il contrario. Infatti dopo 7 giorni gli stessi pazienti hanno sviluppato un numero maggiore di anticorpi neutralizzanti o perlomeno sono rimasti inalterati. Gli studi procedono.