Coronavirus, si va verso una proroga del lockdown e indennizzo anche per professionisti

0
Giuseppe Conte, Foto Wikipedia
Giuseppe Conte, Foto Wikipedia

Misure sempre più restrittive per cercare di contenere i nuovi contagi da Coronavirus. Almeno questo è ciò a cui il Governo Italiano sta lavorando per un nuovo decreto che sarà presentato a breve. Nella nuova bozza infatti si dovrebbe andare verso una proroga dei termini del lockdown fino al 15 aprile e l’estensione dell’indennizzo una tantum da 600 euro anche per i liberi professionisti iscritti alle varie casse.

Le curve dei contagi, a quindici giorni dalla decisione dell’isolamento domiciliare obbligatorio e la chiusura delle attività ritenute non necessarie, finalmente sta mostrando i primi,timidi segnali di un’attenuazione. Eppure la minaccia di nuovi focolai non sembra ancora del tutto allontanata. La nuova manovra tenterà di ridurre ulteriormente i tempi della quarantena.

La situazione è perfettamente fotografata da Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità che dichiara: “La curva dei nuovi casi dal 19-20 marzo sembra attenuarsi leggermente nella sua ascesa. Il picco non è ancora stato raggiunto ma per ora abbiamo segnali di rallentamento. Non illudiamoci di poter allentare le misure di contenimento“. Un monito che il nuovo DPCM tramuterà in disposizioni di legge entro la prossima settimana.

Intervistata, la Ministro Lamorgese spiega così le nuove disposizioni: “Al momento è prematuro fare previsioni, ma ci auguriamo di poter tornare quanto prima alla normalità. Ridurremo le restrizioni fino alla loro completa eliminazione, ma lo faremo gradualmente, per evitare che gli sforzi sin qui compiuti siano vani”. E per quanto riguarda la data del 3 aprile per la conclusione dei provvedimenti spiega: “Se andiamo a vedere i dati di ieri, mi viene da pensare che sia una data troppo ravvicinata per dire che verrà riaperto tutto”.

Novità anche dal punto di vista fiscale per i professionisti che con il recente decreto erano rimasti fuori dall’emolumento di 600 euro una tantum previsto invece per i lavoratori dipendenti. Nel nuovo disegno del governo Conte la misura sarà estesa anche ai professionisti così come spiegato dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo: “Si tratta di un primo intervento per fronteggiare immediatamente la situazione di emergenza. Siamo già al lavoro sulle nuove misure per il decreto aprile”.