Coronavirus, test sierologici per 150 mila italiani alla ricerca degli anticorpi anti-Covid

0
siringa
Fonte pxhere.com

Indagine sierologica per 150mila italiani estratti a campione in quasi duemila comuni per capire chi, anche in assenza di sintomi ha sviluppato anticorpi antiCovid-19. Uno studio attuato in sinergia tra il Ministero della Salute e la Croce Rossa Italiana che andrà a comporre una mappa più approfondita della situazione immunologica legata al contagio da coronavirus.

Coronavirus, test sierologico per 150mila

Da lunedì 25 maggio, infatti, ben 150 mila italiani, selezionati in base a residenza, sesso, età ed altri aspetti sanitari, verranno contattati telefonicamente dalla CRI per sottoporli al test sierologico. Niente tampone, dunque, ma un prelievo di sangue che andrà analizzato alla ricerca di anticorpi attivati contro la SarsCoV2. Fermo restando la possibilità di rifiutarsi, l’indagine rimarrà fortemente tutelata per salvaguardare la privacy dei cittadini.

Una indagine dalla quale capiremo se i sistemi immunitari di soggetti sani o con patologie in atto e differenti per le categorie menzionate in precedenza possono davvero rappresentare una linea difensiva innata contro il virus. Lo studio verrà poi analizzato insieme ai dati provenienti da altri Paesi Europei al fine di elaborare una mappa sierologica dalla quale ripartire alla ricerca di una cura.

Alla Croce Rossa spetterà dunque il compito di selezionare e contattare i soggetti dello studio. I 150mila italiani eletti saranno poi invitati a rispondere ad un breve test telefonico e dunque recarsi in appositi laboratori indicati dall’istituto sanitario. Gli esiti saranno poi comunicati dalle Regioni ai propri cittadini. Qualora la diagnosi si dimostrasse positiva, il soggetto verrà subito isolato e posto in quarantena.

Coronavirus, alla ricerca degli anticorpi anti Covid-19

In caso di diagnosi negativa si capirà se il soggetto non è mai stato esposto al patogeno (nessun anticorpo specifico attivato) oppure se il coronavirus è entrato in contatto con la persona ma ha provocato una reazione immunologica tale da debellarlo. In quel caso nel plasma del soggetto si troveranno anticorpi specifici attivati.