Covid-19, il Governo studia la fase due a partire dal 14 aprile: ecco cosa riaprirà prima

Il premier Conte è pronto a dare il via alla seconda fase. Prevista graduale riapertura

0
Giuseppe Conte, Foto Wikipedia
Giuseppe Conte, Foto Wikipedia

Le misure restrittive varate dal Governo Conte hanno sortito gli effetti sperati, il calo della curva dei contagi permette di intravedere la luce in fondo al tunnel, ma per tornare alla normalità servirà ancora tempo. Nel frattempo il Premier è al lavoro per far ripartire il paese e procedere alla graduale riapertura delle attività.

Nella giornata di oggi a Palazzo Chigi è prevista una nuova riunione per discutere delle misure da adottare dopo il 13 aprile. Il nuovo DPCM dovrebbe arrivare tra venerdì e sabato ed entrare in vigore dal 14 aprile. Da questa data partirà probabilmente la fase due.

A metà mese, dunque, potrebbero riaprire varie aziende ed esercizi commerciali, il Governo darà priorità alle filiere fondamentali: alimentare, farmaceutica e sanitaria. Le riaperture riguarderanno poi il settore manifatturiero, il commercio, specialmente quello all’ingrosso, e l’edilizia.

A riaprire per ultimi saranno bar e ristoranti, così come le aree verdi e i parchi, soprattutto in virtù delle festività del 25 aprile e del 1 maggio, con i cittadini che potrebbero essere tentati dall’uscire creando assembramenti che vanificherebbero gli sforzi fatti fino a questo momento.

Nelle attività che riapriranno sarà comunque necessario mantenere le distanze di sicurezza e indossare la mascherina. Possibili turni di lavoro alternati per garantire minore affollamento degli uffici. Sarà ancora una volta privilegiato lo smart working.