Covid-19 in Campania, Protezione Civile-Conte: “Chiusure territoriali per evitare lockdown totale”

0
Foto di Google Contrassegnata per essere riutilizzata.

Il Coronavirus avanza in Europa e in Italia. La situazione è diventata di nuovo allarmante e le autorità sono pronte a prendere decisioni per limitare la libertà personale delle persone. Decisioni del genere sono state già prese in alcune nazioni come Francia e Spagna, ed ora ci si appresta anche in Italia.

La situazione più preoccupante è in Campania, con il governatore Vincenzo De Luca che ha minacciato diverse volte la chiusura dell’intera regione come avvenuto durante il periodo del lockdown.

A frenare il presidente campano, però, ci ha pensato sia la Protezione Civile che lo stesso premier Giuseppe Conte. In particolare, però, Agostino Miozzo, coordinatore del CTS italiano, ha aperto alla possibilità di lockdown parziale e non totale: “Al momento escludo un lockdown totale. Ma dobbiamo essere realisti, Israele ha chiuso, Francia, Spagna e Inghilterra non sono lontane dalle condizioni per un lockdown. Da noi i dati sono ancora perfettamente gestibili, ma attenzione, perché bastano due settimane a passare da condizioni tranquille a dati di grande preoccupazione. Bisogna monitorare i dati territoriali, i posti letto, le condizioni locali, intervenendo con chiusure territoriali, se necessario, per evitare di chiudere a livello nazionale“.

Come Miozzo, anche il Premier Conte ha aperto a lockdown relativo a singole zone, cercando di far calmare l’animo di Vincenzo De Luca: “Consiglio a tutti gli amministratori locali, ai presidenti di Regione, di continuare in pieno coordinamento con il Governo, come abbiamo fatto finora“.