Covid-19, Roberto Burioni: “Farmaci molto promettenti in sperimentazione”

Il noto medico e divulgatore scientifico parla dei progressi nella sperimentazione di farmaci nella lotta al coronavirus

0
Roberto Burioni, fonte Di International Journalism Festival - Flickr, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=86298652
Roberto Burioni, fonte Di International Journalism Festival - Flickr, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=86298652

Si dice ottimista Roberto Burioni, medico e divulgatore scientifico, nella lotta al Covid-19. Nel suo portale sull’informazione scientifica chiamato Medical Facts, Burioni ha analizzato i progressi nella sperimentazione di alcuni farmaci, che starebbero dando buoni risultati.

In un video apparso sul canale Youtube del portale, il medico parla di farmaci “molto promettenti” e afferma che non si sorprenderebbe se nelle prossime settimane dovessero arrivare buone notizie in tal senso. A dare adito alle sensazioni positive è la conclusione dell’intervento di Burioni:

“Noi qui in ospedale e in laboratorio vediamo le cose un pochino prima rispetto a quanto non vengono vedute fuori“. Parole che fanno ben sperare e riferite probabilmente alla presenza di un principio attivo efficace contro il Covid-19.

Burioni nel suo video cita il Tocilizumab, farmaco utilizzato per curare l’artrite reumatoide che sta dando buoni risultati nei pazienti trattati negli ospedali di Napoli, sotto la guida dell’oncologo del Pascale Paolo Ascierto. Vari malati sottoposti al trattamento sono stati estubati.

Il medico ha poi parlato del Plaquenil, nome commerciale del principio attivo della idrossiclorochina, che altro non è che un derivato della clorochina, farmaco utilizzato per la cura della malaria. Nell’ospedale IHU Méditerranée infection di Marsiglia, diretto Didier Raoult, il farmaco ha avuto buoni risultati nella cura di diversi pazienti.