Covid-19, Sidney ripiomba nell’incubo lockdown: ora la variante delta spaventa davvero

Indetto un nuovo lockdown nell'area metropolita di Sidney per un focolaio di variante delta scoppiato nell'equipaggio di diverse compagnie aeree di scalo nella città australiana.

0
Foto di Google Contrassegnata per essere riutilizzata.

Neppure il tempo di gioire per una campagna vaccinazioni che iniziava a dare i primi, timidi segni di successo che l’Australia ripiomba nell’incubo del Covid-19. Una notizia che atterrisce, oltre al sub continente del Commonwealth, anche diversi stati che in queste ore tornano a vedere impennarsi i numeri del contagio dovuto alla cosiddetta “Variante Delta“.

A parlare della ripresa della corsa dei contagi in Australia è l’emittente televisiva BBC che parla di 30 nuovi casi registrati nello Stato del Nuovo Galles del Sud. Una condizione che imperversa ormai dappertutto da settimane e che ha portato le autorità locali di Sidney a indire un nuovo lockdown dallo scorso venerdì.

Come si apprende anche sull’ANSA, I casi registrati della variante Delta sarebbero attualmente 110 (60 nella sola Sidney) ma, come riferisce la premier dello Stato, Gladys Berejiklian: “I casi aumenteranno ulteriormente nei prossimi giorni. Dato l’elevato tasso di contagio di questo ceppo del virus ci aspettiamo che nei prossimi giorni il numero dei casi probabilmente aumenterà anche oltre il livello che abbiamo visto oggi perché stiamo vedendo che le persone in isolamento sfortunatamente avevano già contagiato tutte le persone con le quali erano entrate in contatto nelle loro abitazioni“.

Una prospettiva dagli scenari davvero disastrosi soprattutto se si pensa che l’Australia si era dimostrato uno dei Paesi più virtuosi nella lotta al coronavirus pagando, in un anno e mezzo di pandemia, soltanto 910 morti su 30 mila casi registrati di Covid-19. Secondo i dati mostrati dal ministro della Salute australiano: “La variante Delta si sta rivelando un nemico particolarmente formidabile. Qualunque siano le misure difensive adottate, il virus sembra sapere come contrattaccare“.

Tutto questo a margine dell’individuazione del focolaio sviluppatosi tra gli equipaggi di diverse compagnie aeree dell’aeroporto internazionale di Sidney. Il lockdown interesserà l’intera area metropolita della cittadina (oltre 5 milioni di persone). Gli abitanti potranno uscire  per acquistare beni di prima necessità, per prestazioni mediche, per fare attività fisica, andare a scuola o recarsi a lavoro qualora non possano svolgere la loro occupazione da remoto.