Covid, Campania diventerà zona arancione: cosa è possibile fare e cosa no

0
Fonte: Wikipedia Commons. Licenza creative commons contrassegnata per essere riutilizzata.

La Campania è stata una delle regioni maggiormente colpite dalla seconda ondata di Coronavirus. La Regione, dopo diverse settimane in zona rossa, si appresta a cambiare colore, con il Ministro Speranza pronto a decretarla zona arancione.

Non bisogna, però, abbassare la guardia. La zona arancione, che dovrebbe partire da domani 4 dicembre, è infatti ancora una situazione di rischio, e per questo le restrizioni sono comunque pesanti.

Rispetto alla zona rossa, all’interno della zona arancione sarà possibile circolare all’interno del proprio Comune senza la necessità di esibire l’autocertificazione in caso di controlli. È comunque vietato lo spostamento in altro Comune o Regione senza un valido motivo.

Anche in zona arancione bar e ristoranti saranno chiusi 7 giorni su 7, consentendo l’asporto e a consegna a domicilio.

Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema e musei. Restano aperti, invece, i centri sportivi e i centri commerciali. Quest’ultimi avranno obbligo di chiusura soltanto nel fine settimana.