Covid in Campania, nuova ordinanza di De Luca: da lunedì stop anche alle materne

Numerose le restrizioni anche per il settore dei trasporti e per il comune di Arzano

0
Google Contrassegnata per essere riutilizzata con modifiche

Solo ieri la Campania aveva registrato un nuovo record di positivi, comunicato attraverso il consueto bollettino giornaliero da parte dell’Unità di Crisi, per un totale di 3.103 nuovi casi. Un vero e proprio boom senza precedenti.

Tuttavia, lo stupore che aveva suscitato la notizia ha avuto vita breve, dato che oggi, a meno di un giorno di distanza dal suddetto record, la Campania ha visto registrarsi un numero altrettanto preoccupante di casi: ben 3186.

In questa situazione più che preoccupante, dunque, il governatore Vincenzo De Luca ha subito avvertito la necessità di emanare un’ordinanza nella quale si confermano alcune delle norme già vigenti, ma si inseriscono anche ulteriori restrizioni, come la chiusura delle materne a partire dal prossimo lunedì.

“Con decorrenza dal 2 novembre 2020 e fino al 14 novembre 2020, su tutto il territorio regionale, fatta eccezione per l’attività amministrativa e fermo restando l’obbligo di effettuare le riunioni da remoto, è sospesa l’attività in presenza nelle scuole dell’infanzia“, così cita testualmente il documento firmato dal presidente.

Numerose le restrizioni anche per quanto riguarda i trasporti: “[…]è confermato l’obbligo a tutte le aziende di trasporto pubblico locale di modulare l’erogazione dei servizi minimi essenziali in modo da evitare il sovraffollamento dei mezzi di trasporto nelle fasce orarie della giornata in cui si registra la maggiore presenza di utenti, comunicando i servizi così modulati alla Direzione Generale Mobilità della Regione Campania, nonché all’Ente titolare del contratto di servizio”.

“E’ fatto obbligo – riporta inoltre l’ordinanza – alle Aziende di trasporto di dare la massima diffusione alla nuova programmazione dei servizi essenziali a tutti gli utenti sui propri siti aziendali, alle fermate, alle stazioni e su ogni altro mezzo di comunicazione alle stesse in uso”.

Clicca qui per leggere l’intero documento