lunedì, Aprile 22, 2024
HomeCronacaCovid, rischio zona gialla per alcune regioni per l'aumento dei contagi

Covid, rischio zona gialla per alcune regioni per l’aumento dei contagi

Covid, con la quarta ondata l’aumento dei contagi è inesorabile. Alcune regioni rischiano la zona gialla, Natale a rischio

A seguito anche delle manifestazioni No Green Pass, aumentano i contagi da Covid in Italia. Il rischio di una quarta ondata è ormai confermato e il governo si sta mobilitando per somministrare la terza dose a più persone possibili nel breve termine.

Il vaccino, è risaputo, contiene di parecchio i danni del virus consentendo meno rischi all’organismo di chi lo fa. Purtroppo, però, il covid è comunque trasmissibile ai soggetti che hanno fatto il vaccino, con conseguente aumento dei dati sui contagiati. Dati che adesso preoccupano e non poco.

Alcune regioni sono a rischio zona gialla

Al momento, gran parte dei contagi nascono dalle zone in cui i manifestanti contro il Green Pass hanno protestato. Zone che, dunque, vedono un aumento impressionante con dati che ora preoccupano le regioni.

I dati di regione in regione sono impietosi, come comunicato da Fanpage. Qui di seguito i contagi regione per regione, con annesse province autonome:

Abruzzo: 6% terapia intensiva, 6% area medica
Basilicata: 1% terapia intensiva, 7% area medica
Calabria: 5% terapia intensiva, 12% area medica
Campania: 4% terapia intensiva, 8% area medica
Emilia Romagna: 4% terapia intensiva, 5% area medica
Friuli Venezia Giulia: 11% terapia intensiva, 13% area medica
Lazio: 7% terapia intensiva, 9% area medica
Liguria: 3% terapia intensiva, 5% area medica
Lombardia: 3% terapia intensiva, 7% area medica
Marche: 8% terapia intensiva, 6% area medica
Molise: 3% terapia intensiva, 1% area medica
Provincia autonoma di Bolzano: 8% terapia intensiva, 13% area medica
Provincia autonoma di Trento: 3% terapia intensiva, 3% area medica
Piemonte: 4% terapia intensiva, 5% area medica
Puglia: 4% terapia intensiva, 6% area medica
Sardegna: 4% terapia intensiva, 3% area medica
Sicilia: 6% terapia intensiva, 9% area medica
Toscana: 6% terapia intensiva, 5% area medica
Umbria: 6% terapia intensiva, 5% area medica
Valle d’Aosta: 0% terapia intensiva, 8% area medica
Veneto: 6% terapia intensiva, 4% area medica

Le regioni a rischio zona gialla sono il Friuli Venezia Giulia, Veneto, Valle D’Aosta, Liguria e la provincia autonoma di Bolzano. Tutte con un’incidenza settimanale che potrebbe superare i 250 casi settimanali su 100.000 abitanti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME