Covid, un morto e due ricoveri in Umbria per la variante brasiliana

0
OMS sul COVID, Improbabile la fuga, Giulio Tarro ottimista, OMS sulla pandemia, Micro zone rosse, Coronavirus del raffreddore, Contagi sottostimati, Variante inglese e sudafricana, Variante, Variante COVID, Calo curva dei contagiDurata lockdown, Insensata la lotta, Mini focolaio a Miano, Iss, Record di infetti, Folla al Cotugno, Aumento contagi
Coronavirus, Fonte Pixabay, autore Mattthewafflecat

L’incubo causato dal Covid-19 sembra non finire più. La pandemia non accenna a rallentare e purtroppo al ceppo originario del virus si sono aggiunte alcune varianti, tra cui quella inglese e quella brasiliana. Mentre la variante anglosassone sembra ormai sotto controllo, nelle ultime ore, soprattutto in Italia, sta salendo la paura per la variante brasiliana.

In Umbria infatti, nell’ultima giornata, vi è stata una morte causata dalla variante brasiliana del Covid-19 e ben due ricoveri. La zona deve ora essere tenuta particolarmente sotto controllo, poiché questa nuova forma di virus non è ancora stata studiata nel dettaglio e non ne si conoscono quindi le caratteristiche.

Intanto così sono state prese le prime decisioni per contenere il possibile pericolo. In parecchi comuni della regioni i Sindaci hanno optato per la chiusura delle scuole, le quali tornano così ad erogare l’insegnamento a distanza.

Inoltre, nei territori a rischio, l’inizio del coprifuoco è stato anticipato alle 21, anziché alle 22. Per gli stessi territori sono state istituite vere e proprie zone rosse, soprattutto con l’obiettivo di tenere sotto controllo la movida pomeridiana che è sempre più frequente nei weekend.

I prossimi giorni saranno decisivi per capire in che direzione andrà la situazione, sperando ovviamente che il tutto possa essere tenuto sotto controllo. La crisi pandemica è già molto delicata così com’è, speriamo non si aggravi con l’evolversi di altre varianti nel territorio italiano.