Cristiano, cosa sussurri a Blanc? Il club parigino è pronto all’affare del secolo

0

Pensavi non l’avessimo visto, eh? E invece no, le telecamere in mondovisione ti hanno immortalato, caro CR7. L’immagine del fenomeno portoghese che sussurra dolci parole, accompagnate da sorrisi tutt’altro che innocenti a Laurent Blanc in occasione del match di martedì scorso tra il suo Real e il PSG è destinata a fare scalpore, a mobilitare milioni e milioni di appassionati e a dare il là ad una vera e propria telenovela. Ma qual’è la verità che si cela dietro tutto questo? La verità in un caso mediatico che per interessi economici e politici in ballo potrebbe far impallidire i vari scandali Watergate e Wikileaks? Secondo il “Le Parisien”, quotidiano della capitale francese, Cristiano Ronaldo avrebbe sussurrato all’allenatore del PSG queste testuali parole: “La sua squadra ha giocato molto bene, mi piacerebbe molto lavorare con lei”.  Quindi ora, quali saranno le manovre della dirigenza parigina? Beh è indubbio che un giocatore del calibro del portoghese rappresenterebbe il top, l’unico tra le due leggende contemporanee ad essere disponibile ad un trasferimento(molto molto difficilmente Messi si dividerà dalla maglia azulgrana). È da aggiungere pure che Cristiano è un vero e proprio sogno dell’emiro qatariota Al-Thani, disposto a lasciare un assegno in bianco alla dirigenza madrilena e a Florentino Perez, proprio lui che aveva speso non pochi quattrini per strapparlo ai Red Devils. Sempre “le Parisien” ipotizza una cifra non inferiore ai 100-120 milioni di euro, e considera come motivazione all’acquisto anche l’imminente scadenza di contratto dell’altra primadonna che già sta deliziando il Parc de Princes da tante stagioni, cioè lo svedese Zlatan Ibrahimovic. Tali premesse conducono alla logica conclusione che Ronaldo non rappresenterebbe solo una “mania” dei dirigenti parigini, una figurina da mettere in formalina e della quale bearsi per qualche anno. Cristiano Ronaldo è un vero e proprio investimento, che sarà in grado di portare nelle casse del club della capitale introiti ben maggiori dei 120 milioni che sarebbero stati virtualmente spesi per lui, nell’ottica dell’avvicendamento con Ibrahimovic, come uomo-immagine del club. Cosa ci riserverà il futuro? Siamo pronti a scommettere che prossimo giugno sarà davvero un mese molto caldo…