Cumana, treno deraglia a Torregaveta: 1 ferito

0
Il convoglio deragliato a Torregaveta, Foto newfotosud, Alessandro Garofalo Il convoglio deragliato a Torregaveta, Foto newfotosud, Alessandro Garofalo
Il convoglio deragliato a Torregaveta, Foto newfotosud, Alessandro Garofalo

Ancora problemi per la linea Cumana dell’azienda EAV che opera su Napoli. Questa mattina un treno è deragliato mentre stava per entrare nella stazione di Torregaveta, ma i motivi sono ancora oscuri. Il convoglio, uscito dai binari, ha impattato (con la parte anteriore) contro una struttura in cemento armato. Fortunatamente non c’erano molti passeggeri a bordo e si è registrato il ferimento di una sola donna che è stata prontamente portata in ospedale. Attualmente il treno è ancora lì come potete vedere dall’immagine in alto e il palo di ferro che è stato praticamente piegato è un palo che regge la corrente elettrica, per cui la rimozione del convoglio è un’operazione piuttosto pericolosa e che deve essere effettuata con cautela. La circolazione dei treni è già ripresa a partire dalla stazione successiva, ma adesso bisogna capire cosa ha potuto causare l’incidente. Le prime indiscrezioni parlano di difetti strutturali del mezzo, e la cosa non ci stupirebbe affatto. Tutti i giorni la linee Cumana e Circumflegrea subiscono continui ritardi e soppressioni e nelle ore di punta i passeggeri si ritrovano a viaggiare in condizioni davvero al limite, e spesso si arriva anche ad assistere a pesanti alterchi tra i conducenti e gli esasperati cittadini. Non poche volte è dovuta intervenire la Polizia nelle varie stazioni essendoci stati parecchi problemi; ma il più delle volte ci si limita a riempire all’esasperazione i convogli facendo viaggiare le persone come sardine e alle condizioni di sicurezza nessuno tiene conto. Poi quando succede qualcosa, tutti a investigare e a cercare i colpevoli. Del capitolo “i treni sono vecchi” non staremo qui a parlarne, tutti i napoletani conoscono l’inadeguatezza dei mezzi che ormai vantano mezzo secolo di vita se non di più. Si potrebbe stare ad occhi chiusi, ascoltando il rumore dei ferri e dei freni arrugginiti dei mezzi per capire che sta per arrivare la Cumana.