Dall’Inghilterra: “Ecco perchè De Sciglio non potrà essere utile alla Juventus”

0

Nelle scorse settimane alla Juventus è tornato alla ribalta il nome di Mattia De Sciglio come sostituto di Martin Caceres, prossimo alla scadenza di contratto e di Stephan Lichtsteiner, 32 anni compiuti da poco.

Come riporta la testata giornalistica d’oltremanica The Bleacher Report, il 23enne attuale difensore del Milan nella sessione di Calciomercato del mese di gennaio è stato ad un passo dai bianconeri, ma a causa dei tempi limitati della sessione invernale la trattativa non è andata in porto, anche se il tecnico bianconero Massimiliano Allegri lo avrebbe messo nella lista della spesa per la prossima stagione. Ricordiamo che il tecnico livornese ha già allenato il ragazzo nella sua esperienza rossonera, lanciandolo nel “calcio dei grandi”.

Ma per i colleghi inglesi questo acquisto “non s’ha da fare”. Secondo le statistiche riportate da Whoscored, la migliore stagione disputata da De Sciglio è stata quella in cui il classe 1993 ha debuttato in Serie A, la 2012-2013. Poi le sue prestazioni sono andate via via peggiorandosi, anche a causa dei lunghi infortuni che lo hanno tenuto fermo ai box per molto tempo consentendogli di giocare solamente 31 presenze nel biennio settembre 2013-maggio 2015. E c’è di più: dopo l’esplosione del giovane terzino Davide Calabria, De Sciglio è diventato la terza opzione per i vari tecnici che si sono succeduti sulla panchina rossonera, dopo Abate ed Antonelli.

Il motivo di questa regressione in termini di prestazioni tecniche sarebbe, oltre agli infortuni, anche la sua versatilità in campo, in quanto non gli hanno consentito di perfezionarsi sul suo ruolo naturale, proprio quello di terzino destro. Questo potrebbe essere causato proprio dal cambiamento di quattro allenatori in tre anni di permanenza a Milano. Infatti, con Seedorf ed Inzaghi è stato impiegato spesso come centrale, mentre Mihajlovic l’ha adoperato anche come terzino sinistro. Così facendo, i tre tecnici non sarebbero riusciti a far emergere tutte le qualità del talento rossonero.