Dani Alves: “Sono andato alla Juve per dimostrare il mio livello, ma la mia famiglia ha sofferto”

Il terzino brasiliano racconta il suo passaggio in bianconero e si scaglia contro i catalani

0
Dani Alves, fonte By Fabio Rodrigues Pozzebom/ABr - Agência Brasil: Jogo entre Brasil e Japão abre a Copa das Confederações, CC BY 3.0 br, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=31293801
Dani Alves, fonte By Fabio Rodrigues Pozzebom/ABr - Agência Brasil: Jogo entre Brasil e Japão abre a Copa das Confederações, CC BY 3.0 br, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=31293801

Non le manda certo a dire Dani Alves, attualmente terzino del San Paolo, nei confronti del Barcellona, colpevole di non aver avuto coraggio nel riprenderlo dopo l’avventura alla Juventus. Ecco le dichiarazioni rilasciate ai microfoni di RAC1:

“Ho detto al Barcellona che sarei tornato. Sono andato alla Juve per dimostrare che ero ancora in grado di giocare ad alto livello. Volevo tornare al Barça e loro avevano bisogno di me, ma non hanno avuto le p**** di ammettere che si erano sbagliati nei miei confronti. Se mi avessero trattato come pensavo di meritare, starei ancora giocando con il Barcellona, perché è un club che amo.

Lo stile del Barcellona sta cambiando. Il club ha perso la sua identità e ora dovrà vivere un processo complicato per recuperarla. Credo che il Barça ora voglia essere solo un club che fa affari, vendere e comprare giocatori. E quando fai una cosa del genere perdi la tua identità, ecco qual è il problema al Barcellona.

Se dovessi dare un consiglio a Dest, gliene darei uno molto semplice: passa il pallone a Messi. Sergino Dest ha molte qualità e può fare bene al Barça, ma non mi piace fare paragoni. È successo anche a me con Cafu ed è un qualcosa che non ha molto senso.

Nell’estate del 2017 era tutto fatto con il Manchester City, stavo per tornare da Pep Guardiola, ma alla fine ho scelto Parigi per la famiglia, che aveva sofferto molto a Torino. E anche perché mi ha chiamato Neymar, e mi ha chiesto di andare con lui al PSG”.