Didattica a distanza in Campania: la proposta della Regione

0
Didattica a distanza

A causa dei troppi contagi nelle scuole la Regione Campania ripropone la Didattica a Distanza. Anche se non stati ancora fatti annunci ufficiali, potrebbe essere questa la linea che verrà adottata nei prossimi giorni.

Il Vice Presidente della giunta regionale Fulvio Bonavitacola ha così spiegato durante un intervento a Tgnews di Alis Channel: “Abbiamo proposto di avere un mese di didattica a distanza nella scuola dell’obbligo a partire dall’8 dicembre, considerando che ci separano 10-12 giorni dalla vacanze natalizie, sarebbero solo due settimane”.

Per Bonavitacola i contagi stanno raggiungendo numeri preoccupanti. Tra il 17 e il 23 settembre nelle scuole dell’Asl Napoli 1 Centro si sono registrati ben 166 casi, in maggioranza nelle scuole elementari e medie, rispettivamente 54 e 58. Più di mille persone convocate sono in quarantena e ieri, al drive in del Frullone riservato alle scuole, i medici hanno eseguito 606 tamponi su 930 convocati.

L’indice del contagio si è inoltre alzato al 3%, registrando 965 positivi su 32mila tamponi. I ricoveri in degenza ordinaria aumentano di dieci unità e toccano quota 312, mentre sono 22 quelli in terapia intensiva, uno in più di martedì. Cinque invece le vittime.

Solo il 20 luglio scorso, il governatore Vincenzo De Luca aveva dichiarato: “Riteniamo indispensabile per quest’anno evitare la Dad nelle scuole della Campania. Sarebbe davvero un danno grave per i percorsi formativi e di socializzazione dei nostri studenti. Per raggiungere questo obiettivo è essenziale sviluppare una campagna di vaccinazioni mirata per la fascia di giovani tra i 12 e i 19 anni”.