giovedì, Luglio 25, 2024
HomeSpettacoloCinemaFilm d’animazione, la Disney Pixar ha fatto di nuovo centro

Film d’animazione, la Disney Pixar ha fatto di nuovo centro

Il 2016 ha visto l’uscita al cinema di tante produzioni interessanti nel reparto “animazioni”, che ancora una volta hanno confermato come questa categoria non sia riservata soltanto ai bambini o agli adolescenti, ma attragga un pubblico sempre più vasto e variegato. A trionfare e conquistare incassi e critica sono soprattutto i film Disney Pixar.

La Disney torna a dominare l’animazione al cinema, nel corso del 2016. Possiamo sintetizzare così i risultati dei migliori film a cartoni animati usciti nelle sale di tutto il mondo lo scorso anno, vedendo sia i riscontri del botteghino che quelli della critica: ai primissimi posti, con risultati da record, si piazzano infatti i due lungometraggi “Zootropolis” e “Alla ricerca di Dory”, realizzati proprio dalla casa di Topolino in collaborazione con la Pixar.

Fonte foto: Everyeye.it

Alla ricerca di Dory. Il secondo capitolo delle avventure acquatiche dei pesci pagliaccio Nemo e Marlin, questa volta impegnati nella ricerca dei genitori della smemorata Dory, ha forse superato anche le attese dal punto di vista degli incassi, piazzandosi direttamente al quarto posto assoluto tra i film d’animazione di maggiore incasso della storia del cinema secondo i dati del Box Office Mondiale, e diventando inoltre il film con il maggiore incasso di sempre nel week-end d’esordio per un cartone animato.

Incassi e critica. Alla ricerca di Dory ha scalzato dalla classifica un’altra pellicola disneyana, ovvero Zootopia (in italiano, Zootropolis), che comunque continua a essere uno dei più apprezzati titoli originali e alla prima uscita in sala, secondo solo al capolavoro Frozen (ancora oggi il film d’animazione che ha ottenuto i migliori incassi della storia). E proprio agli inizi dell’anno, la storia di Judy e Nick ha portato a casa un altro riconoscimento prestigioso: alle acclamazioni della critica e a una percentuale di valutazione pari al 98% sul portale Rotten Tomatoes, infatti, si è aggiunto il premio come miglior film d’animazione ai Golden Globe 2017, che potrebbe precludere a un bis agli Oscar.

Fonte foto: Free Film Festivals

Il successo di Zootropolis. E, nell’attesa che arrivi a disposizione anche sui siti riconosciuti e legali come PopcornTv la possibilità di vedere il film Zootropolis in streaming, ecco alcune interessanti notizie su questo nuovo capolavoro targato Disney Pixar, che è stato il lungometraggio numero 55 della storica casa di produzione. Inoltre, con i suoi 108 minuti totali il film si è assicurato anche il record come racconto di maggior durata e lunghezza mai prodotto dalla Disney, anche se dalla classifica si esclude Fantasia (1940), che è strutturato in diversi episodi e, nella versione originale non tagliata, tocca i 126 minuti.

La trama. Senza svelare troppi dettagli della trama, possiamo comunque raccontare che Zootropolis è ambientato nell’omonima città, che dall’esterno appare non diversa dalle nostre metropoli: a ben vedere, però, le differenze sono tante, a cominciare dal fatto che gli abitanti sono tutti animali antropomorfi, che vivono organizzati in comunità e si raggruppano in zone (quartieri) come l’elegante Sahara Square e la gelida Tundratown. E uno dei segreti del successo del film sta proprio nella capacità di realizzare un mondo alternativo, ricco di personaggi simpatici e carismatici.

Le avventure di Nick e Judy. I protagonisti di questo giallo a cartoni sono la volpe Nick Wilde, loquace e truffaldina di nome, e la volenterosa coniglietta Judy Hopps, prima della sua specie a entrare nelle forze di polizia locali: entrambi devono lottare con l’ambiente e con i pregiudizi, sovvertendo le convinzioni (anche proprie) e collaborando per risolvere un mistero che compromette la serenità della città.

La morale del film. Il film prosegue tra momenti di ilarità e altre scene che riportano alla mente i classici polizieschi o buddy movie, ma non meno importante è la morale di fondo (solo apparentemente semplice e retorica) che traspare dalle immagini, sottolineata e impreziosita dalla splendida colonna sonora firmata da Michael Giacchino: bisogna credere in se stessi per seguire i propri sogni e realizzarli concretamente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME