“Don’t Crack Under Pressure”: film rivelazione su sport estremi

0
Dont-Crack-Under-Pressure-Season-Two-2016-600x332

“Don’t Crack Under Pressure” (Season 2) è uno dei film più forti e significativi degli ultimi mesi. Per chi ama gli sport estremi, o semplicemente ne è affascinato, è un vero e proprio viaggio esperienziale. Grazie alle riprese di Thierry Donard (filmmaker sportivo) ci si immerge in più mondi apprezzandone sacrifici, gioie e dolori. In tutte le sale cinematografiche italiane dal 30 Novembre al 1 Dicembre.

La pellicola è interamente girata in tecnologia 4K  e sono stati ripresi gli angoli più dimenticati del mondo. Inoltre, elemento fondamentale sono le esecuzioni straordinarie di moltissimi atleti capaci di gesta impensabili. Tra performance da record e limiti umani oltrepassati il regista è stato capace di unire le sue due più grandi passioni, lo sport ed il cinema, in uno stile di vita coerente ed appassionante. Per Thierry Donard, “Don’t Crack Under Pressure” è la realizzazione di un sogno poichè “Ho sempre sentito una passione per la realizzazione di film legati allo sport. La label Nuit de la Glisse è stata creata da un gruppo di sciatori e surfisti nel 1984, allo scopo di condividere le intense emozioni catturate dai miei film con il pubblico e enfatizzare la dimensione più umana della storie narrate, delle personalità e delle passioni di uomini e donne protagonisti. Sottolineare la matrice ecologica del loro stile di vita è un altro importante aspetto del progetto, la nozione di essere umano responsabile. Sono forse queste le ragioni alla base del grande successo registrato nel corso degli anni dai film DCUP e dai suoi protagonisti”.  

Don't Crack Under Pressure
Recordman Mondiale Apnea: Davide Carrera.

Inoltre, questo genere di film racconta come sia possibile stupire e stupirsi delle proprie capacità ma soprattutto di come nella vita di tutti i giorni non si apprezzino i momenti più sinceri e semplici. Le scelte che si compiono non sono mai azzardate e stupide dal momento che anche le più rischiose possono portarci verso qualcosa di indescrivibilmente meraviglioso. “Don’t Crack Under Pressure” ne è la conferma.