Dragon Ball, il film: il flop da milioni di dollari che fa insorgere i fans!

0

Prodotti di successo e altri meno. Il cinema va così. Si guarda un film e poi la critica emette la sentenza definitiva, buona o dolorosa che sia. Ne sono passati tanti di flop nel corso degli anni. Uno non ce lo aspetteremmo mai: Dragon Ball. Nella fattispecie il live-action Dragon Ball Evolution.

IL FALLIMENTO – Il film, costato 30 milioni di dollari, ha incassato nel 2009 solo 9,3 milioni di dollari negli States e 57,4 milioni in tutto il mondo. Cifre modeste, se paragonate a quelle altrui. Ebbene, dopo 7 anni lo sceneggiatore del film Ben Ramsey si è reso conto di aver partorito un mostro, cinematograficamente parlando, scusa addirittura con i fans per un film non solo brutto, ma anche irrispettoso nei confronti del materiale originale. Le sue parole riconciliano con la bellezza del mondo di Dragon Ball, deturpata da questo prodotto: Dragonball Evolution ha segnato un punto creativo molto doloroso della mia vita. Essere insultato come sceneggiatore è doloroso per me. Ricevere posta piena di odio da tutto il mondo è qualcosa che ti segna. Ho passato tanti anni cercando di scansare la colpa, ma alla fine dei giochi tutto si riduce alla parola scritta sulla pagina e mi prendo la piena responsabilità per quella che è stato una vera delusione per tanti fans della saga. Ho fatto del mio meglio, ma non sono riuscito ad offrire un buon prodotto. Ho imparato che quando ci si approccia ad uno sforzo creativo senza passione si esce con risultati non ottimali e a volte con della vera spazzatura. E’ solo colpa mia. Per tutti i fans di Dragon Ball là fuori, chiedo sinceramente scusa. Spero di poter farmi perdonare con la creazione di qualcosa di veramente forte, unico e divertente, che vi piaccia e che sia anche qualcosa che mi appassioni. Questo è l’unico lavoro che faccio ora”. Come si suol dire: non tutti gli adattamenti cinematografici di un anime o di un cartone riescono col buco. Dragonball Evolution non sarà l’unico e neanche l’ultimo! Statene certi! Tanto tempo fa lo proiettarono addirittura su Italia Uno. Dubitiamo che venga riproposto!