E’ già l’Inter di Conte: il mercato gli regalerà la rosa che desidera

0
Antonio Conte, fonte Flickr
Antonio Conte, fonte Flickr

Dopo neanche dodici ore dalla sua ufficializzazione, l’Inter è già affare di Conte. Il tecnico ha avuto modo nelle settimane che hanno precedute il suo arrivo a Milano di potersi confidare con i vertici interisti. Marotta, Ausilio e lo stesso Zhang hanno accettato qualsiasi condizione pure di averlo al timone del team e ora dovranno accontentarlo anche sul mercato.

In difesa si valuterà giorno per giorno, durante il ritiro di Lugano, la tenuta e la solidità del reparto. L’arrivo di Godin è sicuramente una ulteriore sicurezza per un reparto che , tutto sommato, non si è comportato poi così male. Skriniare e De Vrij hanno dimostrato lucidità e buona intesa. Il loro senso del sacrificio ha più volte salvato la squadra da clamorose imbarcate, proprio come il capitano silenzioso Samir Handanovic.

Tutta da considerare, invece, la situazione sugli esterni. Asamoah ha avuto una stagione da montagne russe, alternando ottime prestazioni a disastrose amnesie. D’Ambrosio è un terzino adattato lì sulla destra. Forse si valuterà l’acquisto di un laterale di ruolo e tutti i dettagli portano alla scelta dell’ex Toro Darmian, in uscita dal Manchester United.

A centrocampo sarà rivoluzione vera. Non hanno convinto Borja Valero e Joao Mario. per loro sarà un’estate alla ricerca di nuovi lidi a cui approdare. Incamera una sorprendente promozione Roberto Gagliardini. Conte è pronto a dargli fiducia e farlo diventare il perno della sua formazione. La stima era tanta già dai tempi della “Dea”, ma questo suona più da ultimo treno per il mediano bergamasco. Si andrà sul mercato per portare ad Appiano Nicolò Barella e Federico Chiesa, un affare da più di 100 milioni.

In attacco invece sarà completa rifondazione. Vecino, Nainggolan e Politano non rischiano il posto, ma Marotta è più volte volato all’estero per qualche sondaggio preliminare. Piacciono l’ala del Lille, Pèpè  e quella dell’Ajax Ziyech. Discorso a parte per Keita Balde che non verrà riscattato dal Monaco.

Chi rischia il posto sono invece Perisic e Icardi. Per loro si prospetta un futuro molto lontano da Milano. Conte è stato chiaro: ripetere l’esperienza della stagione appena conclusa non sarà più ritenuto accettabile. Per il tecnico salentino  sono in arrivo Dzeko dalla Roma e si cercherà di contendere a molte altre big la possente punta belga Romelu Lukaku. Inizia oggi l’era Conte e l’Inter è già un cantiere a cielo aperto.