E se il Napoli provasse a prendere Christian Eriksen per giugno?

0
Christian Eriksen, Foto Wikipedia
Christian Eriksen, Foto Wikipedia

Da premettere sin da subito, non c’è nulla di concreto al momento, neanche un’idea. Eppure un eventuale scenario non dovrebbe essere escluso a priori: perché il Napoli non potrebbe provare a prendere Eriksen per la prossima stagione? Quella che è al momento solo una provocazione potrebbe anche diventare realtà poiché i presupposti ci sarebbero.

Chiaro è che il Napoli debba necessariamente rifondare, a giugno ci saranno cessioni eccellenti e le stesse dovranno necessariamente essere rimpiazzate da acquisti di livello. L’identikit in entrata dovrebbe rimanere sempre quello del calciatore d’esperienza internazionale, capace di prendersi in mano lo spogliatoio e riportare la squadra azzurra ad alti livelli.

Il ruolo che più necessiterebbe l’eventuale rinforzo potrebbe proprio essere l’esterno offensivo nel 4-3-3 o, al limite, il trequartista in un eventuale 4-2-3-1. Ecco allora configurarsi l’acquisto di Eriksen come il più congeniale al progetto di Aurelio De Laurentiis. Il danese è in rotta di collisione con Tottenham, squadra che lascerà sicuramente a giugno se non a gennaio.

Sul calciatore è fortissimo l’interesse dell’Inter, molto vicina a chiudere il colpo; eppure un eventuale inserimento del Napoli potrebbe completamente ribaltare la situazione. Molto probabilmente a giungo nella squadra azzurra saranno in uscita Mertens e Callejon, entrambi in scadenza di contratto. I due calciatori libererebbero quindi due slot nel reparto offensivo del Napoli ed inoltre farebbero risparmiare ad Aurelio De Laurentiis due ingaggi importanti, i quali eventualmente potrebbero divenire lo stipendio di Eriksen.

Insomma, le premesse ci sarebbero tutte, soprattutto se si consideri che qualche anno fa, con il direttore sportivo Bigon, furono già stati avviati alcuni contatti sull’asse Napoli – Eriksen. Una provocazione che sicuramente ammalia ma che al momento non può far altro che rimanere tale. A meno che di improvvisi colpi di scena.