Emergenza Covid, zona rossa ‘rafforzata’ in molti Comuni della Campania

0
Fonte: Wikipedia Commons. Licenza creative commons contrassegnata per essere riutilizzata.

La Campania è ritornata in zona rossa. Dopo quasi due mesi di calma, il Covid-19 è tornato a far paura, con la Regione che è entrata nella terza ondata. Per almeno quindici giorni, quindi, in Campania ci saranno le restrizioni più severe, con alcuni Sindaci che stanno decidendo di adottare una zona rossa rafforzata.

Il Sindaco di Castellammare di Stabia, Gaetano Cimmino, ha annunciato maggiori restrizioni, soprattutto per i giovani, con il divieto di uscita dalle ore 18 alle 20 per ragazzi e ragazze con un età compresa tra i 14 e i 24 anni.

Ho appena firmato una nuova ordinanza, a seguito di un approfondito confronto con i sindaci dei Comuni limitrofi, valida da domani e fino a domenica 14 marzo. Dalle 18 alle 20 di ogni giorno è fatto divieto ai giovani tra i 14 ed i 24 anni di circolare sul territorio. Per i minorenni che dovessero spostarsi per motivi di necessità o salute sarà obbligatorio avere con sé l’autocertificazione firmata dai genitori o dai tutori“.

Molti Comuni stanno quindi decidendo di adottare la zona rossa rafforzata per evitare di mettere ancora pressione alle strutture sanitarie del territorio.

Stesse decisioni sono state prese anche da parte di altri Comuni quali ad esempio Gragnano e Santa Maria a Vico:Ho concertato diversi provvedimenti con i Comuni a noi limitrofi affinché l’area di azione e di incisioni risulti quanto più efficace possibile. Nelle prossime ore diffonderemo un’utile infografica per la cittadinanza, completa degli eventuali provvedimenti conseguenti all’entrata della Campania nella Zona Rossa“.