martedì, Maggio 21, 2024
HomeSpettacoloGossipEmma Marrone, lo sfogo dopo gli insulti sotto il servizio de Le...

Emma Marrone, lo sfogo dopo gli insulti sotto il servizio de Le Iene: “Le peggiori restano le ‘donne'”

Tra i protagonisti dell’ultima puntata de Le Iene, andata in onda ieri in prima serata, c’è stata anche Emma Marrone. Intervistata da Niccolò De Deviitis, l’amata artista ha toccato diversi temi importanti, tra cui quello della fecondazione assistita.

Ancor prima della messa in onda del servizio, sotto ad alcune anticipazioni, la cantante è finita al centro delle critiche degli hater. Davanti ai maligni insulti di alcuni leoni da tastiera, la Marrone ha deciso di intervenire sui social per replicare con furia.

“Le peggiori restano le ‘donne'” – Ai microfoni de Le Iene, Emma ha deciso di aprirsi totalmente, rivelando di aver perso le ovaie a causa di un tumore. Sebbene non abbia avuto il tempo di poter congelare gli ovuli, l’ex volto di Amici ha spiegato di avere ancora l’utero e, quindi, di poter diventare madre.

La legislazione italiana, però, non consente alle donne single di poter usufruire della fecondazione assistita: “Ho l’utero, però viviamo in un Paese in cui, purtroppo, le donne single non possono avere figli attraverso la fecondazione assistita senza la presenza di un compagno. La trovo una stron*ata enorme. Io ho 39 anni e tutti gli strumenti per essere madre: economici, psicologici, sostegno della famiglia, ma siccome non ho un compagno non posso avere il diritto di diventare madre. Mi piacerebbe diventare madre sapendo che tutte le donne potrebbero averne diritto, non mi piace pensare che sia sempre e solo una questione economica”.

Ovviamente le parole della donna sono state condivise da numerose testate giornalistiche, tra cui La Stampa, che ha condiviso l’articolo su X. Purtroppo, diversi utenti si sono scagliate duramente contro la cantante, per nulla d’accordo con le sue parole. Nel leggere alcuni commenti, Emma Marrone ha così voluto replicare:

“I commenti sotto questo articolo sono abominevoli e ignoranti. Rappresentano perfettamente la deriva di questa società. Le peggiori restano le “donne”. Mi vergogno per voi”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME