Eriksen, condizioni stabili e notte tranquilla. Marotta: “Ha rassicurato tutti e auspicato il ritorno in campo”

Malore per il giocatore danese e la corsa in ospedale, ma le ultime notizie lasciano trapelare ottimismo

0
Eriksen, fonte By Football.ua, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=27791456
Eriksen, fonte By Football.ua, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=27791456

Il malore accusato da Christian Eriksen nel corso della sfida tra la sua Danimarca e la Finlandia ha tenuto il mondo con il fiato sospeso. L’intervento tempestivo dei medici e gli oltre dieci minuti di massaggio cardiaco prima della corsa all’ospedale di Copenaghen hanno evitato la tragedia.

Il giocatore ha trascorso una notte tranquilla, le condizioni sono stabili ed è cosciente, ma resta sotto osservazione. L’obiettivo dei medici è capire cosa abbia causato il malore, soprattutto considerando gli accurati controlli a cui sono sottoposti i giocatori in questo periodo.

Nella serata di ieri è stato lo stesso giocatore a fornire rassicurazioni ai compagni di nazionale, chiedendo loro di tornare a giocare. Anche l’Inter nel frattempo si è messa in contatto con il danese, come confermato da Marotta ai microfoni di Sky Sport:

“Ha scritto un messaggio nel nostro gruppo interno Inter, ha tranquillizzato tutti e auspicato il ritorno in campo. Questo è molto bello. Le immagini facevano presagire qualcosa di drammatico, sono stati momenti di trepidazione e paura, ma alla fine è tutto finito in una situazione lieta e positiva per tutti.

Non posso entrare troppo nel merito, dato che la situazione clinica è tra le mani soprattutto della Federcalcio danese. Posso dire che Eriksen ha risposto positivamente all’intervento importantissimo di Kjaer e della struttura sanitaria presente allo stadio, e oggi possiamo raccontare ciò che è successo senza che siano accadute cose più drammatiche. Bello vedere le manifestazioni di affetto verso di lui da parte di altri club, tifosi e personaggi del mondo dello sport, che si è unito negli auguri”.