ESCLUSIVA-Simone Nolasco:”I problemi, vanno affrontati già con la consapevolezza di arrivare ad un buon risultato, altrimenti si è gia perso in partenza.”

0
Simone Nolasco

In esclusiva per Dailynews24,il talentuoso ballerino Simone Nolasco.
Simone, di recente, è stato premiato dalla TWM factory e Gebart attraverso il progetto  Giovani Creativi 2017.
Il progetto seleziona tredici giovani creativi, che rappresentano delle eccellenze nel loro campo artistico.
Simone è stato scelto come giovane creativo under 30 nell’ambito della danza.

Che cosa l’ha spinta a diventare un ballerino?
Non so se riuscirei a dare una risposta a questa domanda, forse perchè ciò che una passione può scaturire all’interno di un essere umano è talvolta inspiegabile. Sono sempre stato un ragazzo emotivo, anche prima di iniziare a ballare . Avevo provato ogni tipo di sport, e la mia attitudine alla fisicità si era già rivelata; c’era qualcosa però dentro di me che mi ero sempre portato dietro, un qualcosa di irrefrenabile che mi scorreva nel sangue. Mia mamma mi racconta sempre che quando ero piccolo, guardavo ogni giorno il programma TV ” NON E’ LA RAI ” , lei mi lasciava nel box, e mi ritrovava che mi muovevo come un pazzo al suono della musica. Ecco perchè dico che la passione è qualcosa di inspiegabile, ci nasci, la coltivi , e poi ne fai un mestiere… Non va purtroppo a tutti quanti così, e in effetti mi sento molto fortunato a poter vivere di ciò che amo, nonostante i sacrifici che questo abbia comportato. Amo la mia vita ed il mio lavoro, l’ho scelto perchè prima di tutto è stato lui a scegliere me.

Dal 2014 è entrato, come ballerino professionista, nel cast di “Amici di Maria De Filippi”, ci racconti questa sua esperienza.
Iniziare a lavorare nel programma televisivo di “Amici Di Maria De Filippi” è stata sicuramente una delle esperienze più significative del mio percorso artistico. In Italia credo sia il lavoro di massima aspirazione per un ballerino, perchè oltre a portare in scena grandi cose , hai l’opportunità di cambiare sempre ciò che fai senza avere neanche il tempo di abituarti. Sono grato a chi mi ha permesso di entrare in questa grande famiglia, è stata una crescita continua soprattutto perchè mi ha permesso di lavorare per degli artisti incredibili.

Cosa ne pensa della vittoria di Andreas, era dal 2006 che un ballerino non vinceva il programma.
Dopo tanto tempo, l’intero premio finale è andato ad un ballerino. Sono stato felicissimo per Andreas , perchè la danza , a differenza del canto , non arriva a tutti nello stesso modo. La musica è qualcosa che ci gira intorno sempre , mentre la danza ha un pubblico minore. Ciò che le persone hanno visto in Andreas , credo sia la perseveranza e la passione che ha messo durante tutto il suo percorso , a partire da due anni fa quando è entrato. Onore e merito a lui , e tutte le persone che lo hanno formato e seguito in questa avventura ,per aver riportato alla vittoria questa grande arte.
Se dovesse descriversi con tre aggettivi, quali userebbe e perché.
Tre aggettivi… Mi viene in mente testardo , perchè quando mi metto in testa una cosa ,è difficile che io cambi strada.
Permaloso, anche se mi fa fatica riconoscerlo, ma purtroppo a volte lo sono .
E infine solare, ogni mia giornata è all’insegna del sorriso, anche nei momenti più duri, cerco sempre di trovare la strada giusta che mi riporti alla positività e alla serenità. I problemi, vanno affrontati già con la consapevolezza di arrivare ad un buon risultato, altrimenti si è gia perso in partenza.

Quali sono i suoi progetti futuri?
Per quanto riguarda il mio futuro, ancora non posso svelare molto, l’estate è sempre un periodo di “relax”, nonostante i tanti impegni che mi portano a girare da una parte all’altra dell’ Italia. Sarò a Venezia per uno speciale evento con un grande marchio, ma non vi posso dire di più.

nolasco
Simone Nolasco