Esonero Ancelotti? La decisione del presidente Aurelio De Laurentiis

0
Carlo Ancelotti| Fonte Google immagini: contrassegnate per essere riutilizzate

Dopo queste prestazioni non esaltati e l’ammutinamento dei giocatori del Napoli, c’è solo un nome che è finito nel mirino della critica e soprattutto dei tifosi: Carlo Ancelotti. Il mister azzurro, infatti, è stato aspramente criticato per alcune sue scelte considerate non opportune. Tra queste, l’impiego costante di alcuni giocatori in posizioni differenti dalle loro caratteristiche.

Secondo le ultime indiscrezioni, il presidente De Laurentiis sarebbe pronto ad un gesto estremo per far ritornare la tranquillità in casa Napoli: esonerare Carlo Ancelotti. La decisione, comunque, sarà rinviata di due settimane e prescinde dal risultato in un campo così difficile come quello di Anfield.

Il presidente, infatti, al termine della gara contro Liverpool e Milan, avrebbe comunicato al suo attuale mister che la situazione sta diventando molto delicata ed ha fissato un ultimatum: il 10 Dicembre. In questo giorno, infatti, ci sarà Napoli-Genk, una gara fondamentale per decidere il futuro in Champions League degli azzurri. In caso di risultato negativo, Carlo Ancelotti non sarà più l’allenatore degli azzurri.

Prima di tale partita, comunque, il mister azzurro ha due partite di campionato per risollevare la situazione: Bologna ed Udinese.

Prima di esonerare Carlo Ancelotti, quindi, Aurelio De Laurentiis vuole capire cosa farà il Napoli in Champions League. In caso di eliminazione, il Napoli dovrà scegliere un nuovo allenatore per affrontare le restanti partite. Forte è il nome di Gennaro Gattuso, il quale avrebbe già dato la sua disponibilità a trasferirsi in Campania per iniziare la sua avventura con la squadra partenopea. Aurelio De Laurentiis, però, vorrebbe far firmare a Gattuso un contratto fino a giugno 2020 con opzione sul rinnovo legata alla qualificazione in Champions League.