Eugenie di York pare voglia infinite ferie

0

La nipote della nonna più famosa del mondo: Elisabetta II d’Inghilterra, pare non abbia nulla a che vedere con l’atteggiamento verso il lavoro dei cugini reali. Poiché entrambi i figli di Carlo si prodigano nell’occupazione in tutti i modi e dedicano più tempo ad essa, quasi che alla propria vita privata. Perché se è vero che si occupano di questioni di tutto rispetto per la maggior parte della giornata e si sinao investiti di ruoli non semplici e di responsabilità fino ad ora, pare non faccia lo stesso la figlia secondogenita di Andrea e la rossa Ferguson che sembra abbia chiesto, su 50 giorni lavorativi, 25 giornate di ferie.

Eugenie di York ha sfoggiato i suoi “abitini” in feste e alberghi di lusso mentre doveva essere occupata alla Galleria D’Arte Moderna “Hauser e Wirth”. E i datori di lavoro, (giustamente), ne devono aver avuto abbastanza, se le hanno negato anche di partecipare al gentliaco della madre Sarah. Così verrà costretta a seguire la “Frieze art Fair” a Regent’s Park a Londra dal 14 al 17 ottobreprossimo. E sembra che la “rossa” duchessa di york e la sorella maggiore Beatrice (che vive peraltro a New York), saranno loro a tornare a Londra per star in sua piacevole compagnia, allo scopo di festeggiare i 56 anni della Principessa Ferguson.

Ma chissà cosa pensano di fare i “reali di 2° piano” come le figlie di Fergy! Davvero non è il caso di lasciarsi andare a pazze “gioie” per evitare di lavorare nei momenti più critici per le proprie aziende; non è il periodo adatto di ritirarsi da un impegno né tanto oneroso, né tanto semplice, ma che anzi, molti le invidierebbero, perché è meglio, di questi tempi, (anche per dare il buon esempio), lavorare, parrebbe, a dispetto di ogni equivoco che si potrebbe generare. Per capirci: il lavoro non c’è, manca in quasi tutto il mondo e la reale di turno che fa: vacanza? Beh, ci sembra troppo, obiettivamente!

io e dedicano più tempo ad essa, quasi che alla propria vita privata. Perché se è vero che si occupano di questioni di tutto rispetto per la maggior parte della giornata e si sinao investiti di ruoli non semplici e di responsabilità fino ad ora, pare non faccia lo stesso la figlia secondogenita di Andrea e la rossa Ferguson che sembra abbia chiesto, su 50 giorni lavorativi, 25 giornate di ferie.

Eugenie di York ha sfoggiato i suoi “abitini” in feste e alberghi di lusso mentre doveva essere occupata alla Galleria D’Arte Moderna “Hauser e Wirth”. E i datori di lavoro, (giustamente), ne devono aver avuto abbastanza, se le hanno negato anche di partecipare al gentliaco della madre Sarah. Così verrà costretta a seguire la “Frieze art Fair” a Regent’s Park a Londra dal 14 al 17 ottobreprossimo. E sembra che la “rossa” duchessa di york e la sorella maggiore Beatrice (che vive peraltro a New York), saranno loro a tornare a Londra per star in sua piacevole compagnia, allo scopo di festeggiare i 56 anni della Principessa Ferguson.

Ma chissà cosa pensano di fare i “reali di 2° piano” come le figlie di Fergy! Davvero non è il caso di lasciarsi andare a pazze “gioie” per evitare di lavorare nei momenti più critici per le proprie aziende; non è il periodo adatto di ritirarsi da un impegno né tanto oneroso, né tanto semplice, ma che anzi, molti le invidierebbero, perché è meglio, di questi tempi, (anche per dare il buon esempio), lavorare, parrebbe, a dispetto di ogni equivoco che si potrebbe generare. Per capirci: il lavoro non c’è, manca in quasi tutto il mondo e la reale di turno che fa: vacanza? Beh, ci sembra troppo, obiettivamente!