Europei U21, Lorenzo Pellegrini e Andrea Petagna regalano i primi tre punti all’Italia di Di Biagio

0
Fonte foto Wikipedia

Ieri sera allo stadio di Cracovia è iniziata l’avventura Europea dell’Italia di Luigi Di Biagio contro la Danimarca del commissario tecnico Niels Frderiksen. L’Italia scendeva in campo con il modulo 4-3-3. Tra i pali c’era il giovane portiere del Milan Gigi Donnarumma; difesa a quattro con la coppia centrale composta da Rugani e Caldara; mentre i due terzini erano Barreca e Conti; a Centrocampo ci sono i vari Pellegrini, Gagliardini e Benassi; il trio d’attacco è formato da Bernadeschi, Petragna e l’attaccante del Sassuolo Domenico Berardi. Dall’altro lato il ct. Danese ha risposto con il “classico” 4-4-2. Tra i pali troviamo Hojbjerg; difesa a quattro formata da Holst, Maxso, Banggaard e Rasmussen; a centrocampo troviamo Christensen, Norgaard, Hjulsager e Borsting; attacco formato dalla coppia Andersen e Ingvartsen.

La Danimarca prova fin da subito a mettere in difficoltà l’Italia con la battuta di un calcio d’angolo, ma gli azzurri sono attenti e liberano la propria area di rigore. Appena un minuto più tardi ci provano gli azzurrini, ma nemmeno loro riescono a concretizzare. Al 10’ la partita è momentaneamente sospesa perché l’attaccante neroverde accusa una botta alla gamba, ma poi fortunatamente si riprende è quindi può continuare a giocare. Al 17’ i danesi provano a far male con Borsting il quale prova con un tiro da fuori a impensierire il portiere azzurro dei rossoneri. Ma il pallone termina al lato dalla porta difesa da Donnarumma. La prima parla goal del match c’è la l’Italia con il terzino atalantino Andrea Conti: su gli sviluppi di una rimessa laterale battuta da Barreca, il difensore Maxso libera la propria area di rigore, ma il pallone finisce nella zona di Conti che prova un tiro di prima da fuori area, però il pallone termina al lato. Al 26’ Il centrale danese Norgaard è il primo ammonito del match.  Al 29’ il centrocampista del Torino Benassi prova un tiro da fuori area che però è facile preda del portiere norvegese Hojbjerg. Nei minuti successivi gli uomini di Di Biagio provano a passare in vantaggio, ma nulla da fare la prima frazione di gara termina con il punteggio fermo sullo 0-0. Nei primi 45’ non è stata una bella partita, le due squadre non hanno quasi mai tirato nello specchio della porta se non con Borsting da un lato e Conti dall’altro.

Nella ripresa non ci sono cambi da entrambe le squadre. L’Italia si porta subito avanti con l’attaccante dell’Atalanta Petagna il quale sugli sviluppi di un calcio d’angolo di testa sfiora di pochissimo la porta danese. Dopo un po’ i ragazzi di Di Biagio si affacciano ancora nell’area di rigore dei danesi con il centrocampista Pellegrini, ma la difesa avversaria riesca a difendersi bene. Al 54’ si sblocca finalmente la gara allo stadio di Cracovia con il centrocampista del Sassuolo Lorenzo Pellegrini che con una rovesciata riesce a battere il norvegese hojbjerg. Al 59’ il portiere azzurro dice di no all’attaccante danese Hjulsager che in area di rigore con un tiro centrale ha tentato di sorprendere “Gigio”. Tra il 67 e il 72 minuto entrambi ct. Decidono di spendere i primi cambi: Nell’Italia entrano Federico Chiesa e Grassi al posto di Domenico Berardi e Benassi; nella Danimarca entra Zohore al posto di Ingvartsen. Al 75’ il centrocampista dell’Inter Gagliardini sbaglia completamente il tiro mandando il pallone al lato dalla porta difesa dall’estremo difensore danese. Tra il 79 e 80 minuto la Danimarca spende gli ultimi due cambi: entrano Marcondes e Duelund al posto di Borsting e Andersen. Al 85’ l’Italia raddoppia grazie all’attaccante bergamasco Andrea Petagna (servito da Federico Chiesa) che all’interno dell’area piccola anticipa l’uscita di Hojbjerg e realizza così il goal del definitivo 2-0. Nei minuti finali Holst è il secondo ammonito per la Danimarca; mentre al 88’ l’autore del secondo goal viene sostituito e al suo posto entra Alberto Cerri. La Danimarca prova disperatamente a segnare perlomeno un goal con Duelund prima e Hjulsager poi. Ma la gara termina con i ragazzi di Di Biagio che escono vincitori dallo stadio di Cracovia conquistando così i primi tre punti importantissimi per accedere alle fasi finali del torneo europeo.

Dopo le prime due partite del Girone C la momentanea classifica ci dice che Germania e Italia si trovano prima e seconda però a pari punti. Mentre mercoledì prossimo al Tychy City Stadium i ragazzi di Di Biagio sfideranno la Repubblica Ceca (sconfitta questo pomeriggio proprio dalla Germania) dell’attaccante della Sampdoria Schick e il centrocampista dell’Udinese Jankto.