Expo 2015, come un cartellone sbagliato può fare la differenza

0

L’Expo 2015 è alle porte e da tutto il mondo giungeranno turisti per visitare i grandi padiglioni di Milano. Sebbene i preparativi non siano ancora giunti al termine, uno dei dettagli che potrebbe fare la differenza in quest’occasione sta nella conoscenza delle lingue. Sta diventando virale, sui social, l’immagine di alcuni cartelloni dell’ Esposizione Universale, dove sono indicati i punti vendita per acquistare i biglietti. Quando li si osserva da vicino, ci si rende conto che la traduzione è sbagliata: al posto del verbo “buy” compare la parola “but” che rovina l’intero significato della frase.

La brutta figura a livello intenzionale è garantita, tanto che quest’errore ha dato il via a commenti ironici su Twitter.

Gli addetti ai lavori hanno provveduto a correggere la frase incriminata, con la creatività e il tempismo tipici del ‘made in Italy’.