domenica, Marzo 3, 2024
Home Blog

Fabrizio Colica, le foto del matrimonio col suo Giacomo fanno sognare il web: “Inizi la nostra avventura”

0

Fabrizio Colica, il comico romano che con il fratello Claudio forma il due de “Le Coliche”, che sui social vantano più di 260mila seguaci, si è sposato finalmente con il suo compagno Giacomo Visconti.

Il suo coming out c’era stato circa due anni fa, quando aveva deciso di comunicare a tutti di essere omosessuale, attraverso un post su Instagram. Ebbene dopo tempo sempre sui social ha pubblicato i primi scatti della cerimonia con il suo amato.

A commuovere tutti, tuttavia, è stata in particolare la dedica a seguito delle immagini che di suo pugno ha scritto per Giacomo: un vero e proprio inno all’amore, alla fede, alla speranza e al desiderio di amore.

“Dopo il primo lockdown siamo arrivati alla conclusione di voler passare una vita insieme e ci siamo fatti una promessa: che una volta trovata una casa a Roma e una volta che tu avessi passato il ruolo, ci saremmo sposati. Io ho cercato una casa e ho investito l’ultimo anno e i miei guadagni per renderla nostra e tu hai impiegato lacrime, sudore e fatica per prepararti per un esame che avrebbe determinato la tua vita. La casa è venuta un gioiellino, modestamente, ma il ruolo esitava ad arrivare. Il desiderio di sposarci era talmente alto che abbiamo messo da parte le promesse e abbiamo creduto per certo che il ruolo sarebbe arrivato al momento giusto. Morale della favola: oggi abbiamo chiamato una manciata di amici e parenti stretti e ci siamo sposati. E mentre ieri venivamo a sistemare le ultime cose qui alla villa, sono uscite le graduatorie degli esami e tu sei dentro!”, ha esordito il comico.

“Da questo ne traggo due conclusioni: la prima è che sei un secchione di merda. Di quelli insopportabili che a scuola ti diceva che non sapeva nulla e invece ne sapeva più del professore. La seconda è che Dio è proprio grande. E certe cose le pianifica nostro malgrado!! Certe strade le spiana nei minimi dettagli prima ancora che tu decida di percorrerle. È per questo che non riesco proprio a non credere in Dio, nonostante la comunità che frequentiamo ci reputi contronatura, nonostante ci siamo dovuti sposare in comune perché non ci è permesso farlo in un’elegante chiesa con affreschi del ‘700 profumati di incenso, nonostante i preti e le suore che conosciamo ci abbiano fatto delle benedizioni sottobanco neanche fossero superalcolici ai tempi del proibizionismo. Nonostante tutto questo, io non riesco a non credere in Dio. E perciò oggi ti faccio l’unica grande promessa che ti possa fare e che io possa impegnarmi a mantenere: quella di mettere sempre Dio davanti a noi, a indicarci la via già studiata da Lui, di metterlo in mezzo a noi, a congiungerci le mani in momenti di discussione, di metterlo sopra di noi, a proteggerci nei momenti di paura. Da oggi ha inizio una grande avventura!”.